The Tragedy of Nagorno-Karabakh – A Hundred years of Hatred
La Tragedia del Nagorno-Karabakh. Cent'anni di Odio.

La Tragedia del Nagorno-Karabakh. Cent'anni di Odio.

4
(2)

“For never can true reconcilement grow,

Where wounds of deadly hate have pierced so deep.”

(John Milton, Paradise Lost – 1667; 1674, Book IV, line 98)

Bentornati al nostro appuntamento settimanale,

This week I wanted to tell you about another problematic place once linked to the USSR, and which has recently returned to talk about itself, unfortunately: I am referring to the region of Central Asia known as Nagorno – Karabakh.

Prima di iniziare, vorrei fare una piccola premessa: ero molto indeciso se affrontare (e come) questo argomento. Se, come vi ho detto parlando della Bielorussia, le questioni riguardanti i paesi dell'ex Unione Sovietica non sono mai così semplici come si vedono dall'esterno, quella del Nagorno-Karabaka è sicuramente una delle più intricate e oscure per gli osservatori stranieri.

So why talk about it? For the same reasons why I didn’t want to do it: because it is intricate and obscure, difficult for a foreign observer to understand. After all, it is the goal I set myself when I started writing, and I intend to keep it: in the pages that follow, I will try to make you understand a war that has been going on for more than a hundred years in the remote recesses of the Asian mountains.

Inoltre, questa è una storia che può farci capire meglio come il nazionalismo esasperato contenga in sé i germi dell'odio per sua stessa natura, ed è capace di provocare disastri che non possono essere risolti nemmeno dopo centinaia di anni. Come abbiamo fatto per la Bielorussia, ci riserveremo il diritto di dividere questa complessa storia in più parti: una riguardante il periodo della prima guerra mondiale e della rivoluzione russa, una successiva al crollo dell'Unione Sovietica e infine una che racconterà gli eventi di oggi.

The Tragedy of Nagorno-Karabakh – A Hundred years of Hatred, An Unpredictable Past
La situazione durante la Prima Guerra Mondiale e prima della Guerra Armeno-Azera

La storia del conflitto ha radici secolari ed inizia nel periodo della dissoluzione dei Grandi Imperi subito dopo la fine della Prima Guerra Mondiale. In quel periodo il crollo dell'Impero Ottomano e la guerra civile all'interno di quello che era l'Impero Russo, porterà alla formazione di diverse repubbliche indipendenti: tra queste, la Prima Repubblica dell'Azerbaigian e la Prima Repubblica Armena, entrambe emerse da un periodo di conflitto ininterrotto (in cui gli armeni subirono un vero e proprio genocidio, pianificato dalle forze dell'Impero Ottomano). Non andremo oltre nel periodo caotico che ha preceduto la Prima Guerra Mondiale, poiché corriamo il rischio di intorbidire le acque, ma non è detto che l'argomento non verrà trattato più ampiamente in futuro.

As has always happened in these situations, the new republics were fueled by a strong national sentiment: the Azerbaijani party of Müsavat (equality / parity) supported positions close to pan-Turkism and pan-Islamism; in Armenia, on the other hand, the Revolutionary Federation had succeeded in establishing the first independent government since the Middle Ages. Despite that, these entities were tied to the Russian Rvolution (February Revolution) and represented togheter in the Sejm, better known as the Transcaucasian Commissariat, of socialist inspiration but opposed to Bolshevism, and determined to separate from the nascent Soviet Russia.

After the October Revolution, the troops of the Red Army began to withdraw from the various war fronts to conduct the war within the territory of the former Russian Empire: this obviously included the Central Asian regions. Thus, between 10 and 24 February 1918 the Sejm declared independence and the birth of the Transcaucasian Federative Democratic Republic, and prepared to face the Bolshevik forces militarily. The problems began with the Brest-Litovsk Treaty of March 3, 1918, which formalized Russia’s exit from World War I: the independence, at least formal, of the Transcaucasian Federation worried the Soviet leaders, due to the oil produced in the region 7 million tons per year, (15% of world production at the time) so much so that it seems that Vladimir Lenin himself asserted that “Russia will not survive without Baku oil”.

Per impedire l'apertura di un nuovo fronte, i bolscevichi ed i social-rivoluzionari ivi presenti, sotto la guida di Stepan Shahumyan, proclamarono il Soviet di Baku e presero il controllo del Governatorato della regione.

The Soviet led by Shahumyan, to maintain the control of those precious resources, begins to be involved in the internal disputes of the region, playing at putting one faction against the other, fueling suspicion and hatred: they used the “bogeyman” of the presence of an huge Armenian contingent, who had fought the Ottomans in the region, (and which the Russians should have demobilized after the war, which obviously they did not), to scare the Azerbaijans, which were convinced to turn to the veterans of the Caucasian Native Cavalry Division (rus. Кавказская туземная конная дивизия) better known as the “Savage Division” (rus. Дикая дивизия), made up of mostly Caucasian Muslim volounteers and anti-Bolsheviks) for eventual aid.

Quando sentimenti nazionalisti così forti sorgono in territori che fino a poco tempo prima si consideravano parte di un'unica entità statale, il disastro è solo una questione di tempo.

And the disaster occurred in the days between March 30 and April 2, 1918, better known as “Giornate di Marzo“, when Bolsheviks, Armenians, Azeris and members of the Savage Division all met together in Baku. The American historian of Azerbaijani origins Firuz Kazemzadeh, claims that, despite Shahumyan having the possibility to mediate the situation, the powder keg was allowed to explode: it is not known who was to open the hostilities, but after the tensions of March 30, the 1 of April Baku had turned into a Battlefield.

Le forze armene inizialmente non presero parte al conflitto, ed anzi il Partito Musravat propose loro di sostenere la rivolta dei musulmani contro i sovietici, ma ricevette un rifiuto. Quando poi Shahumyan dichiarò lo stato d'assedio, il Dashnaktsutyun (the armed forces of the Armenian Revolutionary Federation, often abbreviated to Dashnak) intervened in the conflict with brutal ferocity, indiscriminately massacring military and civilians in the city and its surroundings. The Soviet leader himself was shaken, and in a letter stated: “La partecipazione di questi ultimi conferì alla guerra civile, in una certa misura, il carattere di un massacro etnico, tuttavia era impossibile evitarlo. Lo stavamo cercando deliberatamente. I poveri musulmani hanno sofferto gravemente, tuttavia ora si stanno radunando attorno ai bolscevichi e al Soviet" “.

On April 3, the clashes had ceased, causing more than 12,000 deaths among the Muslim population of Baku, also forced into a forced exodus, and 2,500 deaths between Armenians and Soviets. Always Firuz Kazemzadeh said: “Le brutalità sono continuate per settimane. Nessuna delle parti ha concesso quartiere all'altra: né l'età né il sesso sono stati rispettati. Enormi folle vagavano per le strade, bruciando case, uccidendo ogni passante identificato come un nemico, molte persone innocenti subirono la morte per mano sia degli armeni che degli azeri. La lotta che era iniziata come una contesa politica tra Musavat e il Soviet assunse il carattere di una gigantesca rivolta razziale“.

Nonostante la violenza si sia concentrata principalmente sulla popolazione musulmana, e in particolare quella azera, questo episodio non ha avuto, a mio avviso, carattere etnico, ma politico: da un lato, il Dashnak è venuto in aiuto dei sovietici solo quando è stato dichiarato lo stato d'assedio, d'altra parte, nella successivamente autoproclamata Comune di Baku (13 April 1918) many socialists of Azerbaijani origin played important roles. Nevertheless, in the Azeri psyche, the Baku Commune symbolized the Bolshevik – Armenian collusion born out of the March Days bloodbath

But the “March Days” were only the beginning.

Quella che viene definita la prima guerra Armeno-Azerbaigiana inizia proprio con il massacro di Baku: i leader azeri infatti, dopo quell'episodio, cambiarono radicalmente la loro visione politica: decisero di abbandonare gli ideali della Rivoluzione e di puntare esclusivamente sulla loro indipendenza dalla Russia. Quando la Repubblica Democratica dell'Azerbaijan was proclaimed on May 28, 1918, they took care to immediately send embassies to Istanbul with requests for support for the young state entity from the Ottoman Empire. The Ottoman “triumvir” Enver Pasha decided to intervene, and instructed his brother to form a military unit, the Contingente Islamico del Caucaso, per andare in sostegno dell'Azerbaijan.

In July 1918, the Azerbaijani-Ottoman army defeated the patched-up “Red Army of Baku” in several key battles and, under internal pressure from Russian Socialist Revolutionaries, Dashnak, and British agents infiltrating the city (the British Empire had taken the nationalization of oil very badly) the power of the Bolsheviks began to collapse. On August 1, 1918, the Commune of Baku was replaced by the Dittatura Centrocaspica, which for help the aid had to turn to a British contingent commanded by General Lionel Dunsterville, but to no avail: the Azero-Ottoman forces were too numerous and on September 15 they entered victorious in Baku. They were the terrible “Giornate di Settembre“, during which between 10,000 and 20,000 Armenians were killed as revenge for what happened in the “March Days”. The Bolshevik Commissioners of the Trans-Caspian government were intercepted while attempting to flee and shot on September 20, 1918. Days later, the capital of the Republic of Azerbaijan was moved from Ganja to Baku.

Tuttavia, dopo l' Armistizio di Mudros del 30 ottobre 1918, che sancì la fine delle ostilità tra il Regno Unito e l'Impero Ottomano, le truppe turche di stanza a Baku furono sostituite da un contingente della Triplice Intesa, under the command of the British, who assumed control of Baku by imposing martial law on it. This gave the Armenian forces the opportunity to reorganize and plan the counterattack: first the so-called “Repubblica Montagnosa dell'Armenia” was created and from there, under the leadership of Andranik Ozanian, the Armenian militias (fedayi) iniziarono a prendere il controllo del Karabakh nel 1919, avanzando verso la città principale della regione, Shusha. Gli inglesi tentarono una mediazione, assicurando a Ozarian che la questione territoriale tra Armenia e Azerbaigian sarebbe stata risolta alla Conferenza di Parigi. Ozanian si fidò e fece marcia indietro, mentre gli inglesi affidarono il governo provvisorio della regione a Khosrov bey Sultanov, un fervente nazionalista di idee pan-turche, che aumentò la presenza militare azera nella regione e attaccò numerosi villaggi armeni, al fine di tagliare i collegamenti diretti dall'Armenia al Karabakh.

The assignment of the governorship to Sultanov sparked the indignation of the Armenians, who gathered in the “Consiglio Nazionale Armeno del Karabakh“, a sort of Provisional Government of the Region, established between 1919 and 1920, refused to recognize the authority of the new governor (and Azerbaijan) on the region. At their second meeting in the city of Shusha, a detachment of the Azerbaijani army surrounded the Armenian quarter and demanded their unconditional surrender. The mediation of the British and the acceptance of the surrender by the Armenian National Council did not spare a series of pogroms against the Armenian population that were unleashed throughout the month of June, especially by the irregular Azerbaijani militias.

On February 19, 1920, Sultanov imposed an ultimatum on the Armenian National Council, which once again refused to recognize Azerbaijan’s sovereignty over Karabakh. The Armenian population of the region had no choice but to prepare for the insurrection, trying to take control of the city of Shusha by surprise with a night assault. But the attempt failed miserably, and the anger of the Azerbaijani troops and population spilled over the Armenians who inhabited the city: entire neighborhoods were set on fire, in a spiral of increasingly brutal violence, which went on for six days with Khosrov bey Sultanov’s consent, who urged not to spare anyone, including women and children. The victims of the Massacro di Shusha furono 20.000, e di fatto la comunità armena della città fu sradicata.

The Tragedy of Nagorno-Karabakh – A Hundred years of Hatred, An Unpredictable Past
Rovine della parte Armena di Shusha dopo il pogrom del 1920. Sullo sfondo c'è la chiesa della Santa Madre di Dio (Kanach Zham).

To make the hostilities “cease” was the return of Soviet Russia to the game: defeated the resistance of General Denikin and with the forces of the White Army in disarray, Moscow returned to focus its attention on the Caucasus. On April 27, 1920, the Azerbaijani government, already in serious trouble on the domestic front, received the news that the Red Army was preparing to invade the country and surrendered without practically a fight, leading to the creation of the Repubblica Socialista Sovietica dell'Azerbaijan.

L'esercito e le milizie armene approfittarono del caos per prendere il controllo dei territori occidentali dell'Azerbaigian, inclusi Shusha e l'area del Karabakh e Nakhchivan. Ma la cosa durò pochissimo: nel maggio 1920, l'11a Armata Rossa conquistò il Karabackh, ponendolo sotto la giurisdizione dell'Azerbaigian Sovietico e poi ne fece una regione autonoma (l' Oblast Autonomo del Karabakh Montuoso, OAKM) nel 1923, per ordine diretto di Stalin. Poi, il 20 novembre l'Armata Rossa usò un pretesto per dichiarare guerra alla stessa Repubblica Armena, invadendo il suo territorio: l'esercito armeno, indebolito da anni di conflitti interrotti, non offrì resistenza esattamente come quello azero, e il 4 Dicembre 1920 l'undicesima Armata Rossa entrò a Yerevan, seguita dai rivoluzionari armeni e azeri il 5, e dalla polizia politica di Dzerzinskij, la Cheka, il 6. Dopo un ultimo sussulto antisovietico il 18 febbraio 1921, fu ufficialmente dichiarata la formazione della Repubblica Socialista Sovietica Armena.

The Tragedy of Nagorno-Karabakh – A Hundred years of Hatred, An Unpredictable Past
The location of the Nagorno – Karabakh Autonoumos Oblast during the Soviet Period

Il Trattato di Kars del 1921 tra Turchia e Unione Sovietica pose fine alle violenze nell'area transcaucasica, dove, in segno di pace, l'area di Nachivan fu dichiarata protettorato azero e la Turchia restituì la città di Alessandropoli all'Armenia e quella di Batumi alla Georgia.

Sarà però una pace imposta da una potenza imperiale come l'Unione Sovietica, la quale, per paradosso, aveva fomentato le tensioni interetniche per evitare di perdere il controllo della regione. La questione era fin dall'inizio destinata a tornare a galla al minimo segno di cedimento della forza egemonica in quei territori. Esattamente come era iniziata, essa si ripresenterà con il crollo del URSS, ed anzi, forse addirittura anticipandolo, come vedremo nel prossimo articolo.

Grazie per aver letto questa lunga storia, persa nel tempo e tra le montagne del Caucaso: altri due appuntamenti ci aspettano, per poter capire meglio cosa sta succedendo oggi.

Quindi grazie per la vostra attenzione e alla prossima volta.

Quanto è stato utile questo Post?

Clicca su una stella per valutarlo!

Average rating 4 / 5. Vote count: 2

No votes so far! Be the first to rate this post.

Un commento

Rispondi a pygmy Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItalian
[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]