Archivi categoria: History

The “Mariupol Standoff”, or the developement of new relashionship between East and West

“You can say things which cannot be done. This is elementary. The trick is to keep attention focused on what is said and not on what can be done.”

(Frank Herbert, from “Whippinng Star”, 1969)

A map of the situation in the eastern region of Ukraine, by Business Insider Intelligence

Welcome back to Unpredictable Past,

some time has passed since the last writing, but, as it is natural that it is, and as I often repeat, some events need the right time to be looked at and analyzed: and this is what I intend to do in this writing, whose processing time went into looking at things as they are, minimizing guesswork and finding as many facts as possible to support my claim.

In this paper I would like to start from the latest episodes that took place on the eastern border of Ukraine and then get to analyze with you the new course that the global geopolitical situation seems to have taken since the beginning of 2021. The event I am talking about has been defined as “Maripol Crisis”, from the city in the Donetsk Oblast, on the shores of the Black Sea, close to the borders of the Occupied Territories (or Separatists, depending on the point of view), which is generally referred to by the acronym ORDLO (Okremi Raioni Donetchkoi ta Lughanskoi Oblastei) and which has recently been the subject of clashes between separatists forces (ie the Russian army) and loyalists of the Ukrainian army, causing fear of a new escalation of violence in the region in the near future.

The “frozen” conflict between Russia and Ukraine has been going on for eight years, and dates the last escalation of this importance back to 2015, when, following the Ukrainian Revolution of the previous year and the beginning of the internal conflict with the separatists in the southeast of the country (in the regions of Crimea, Donetsk, Luhansk and Donbass), the Russian armed forces “disguised” as civilian personnel carrying humanitarian aid invaded the country, occupying, in whole or in part, the aforementioned territories. On March 26 of this year, the tension begins to rise again: four soldiers of the Ukrainian Army were killed in Shumy, a village in the Mariupol area, very close to the border of the Occupied Territories, in which, in the meantime, as pointed out by Kirill Budanov, head of the Main Intelligence Directorate of the Ukrainian Ministry of Defense, the troops of the Russian Federation have massed for a total of about 110,000 effectives. Budanov asserted that these movements of the armed forces have a specific purpose: “[Its] goal is to keep Ukraine in the sphere of [Russia’s] geopolitical influence, force it to abandon Euro-Atlantic aspirations, and resolve the issue of the occupied territories [in the Donbass] on Moscow’s terms“.

On April 12, the Russian government takes a further step, and through the spokesman of President Vladimir Putin, Dmitri Peskov declares that: “[Moscow] will not remain indifferent to the fate of Russian speakers who live in the southeastern regions of Ukraine“. A clear reference (typical of the rhetoric of recent years, which used the term “Russophone” instead of “Russian” to pursue territorial claims without bringing up ethnic issues that could sound like the “reasons” adducted by Adolf Hitler during the Anschluss of the territories with a population of German origin into the Third Reich), to the policy begun two years ago by the Russian Federation regarding the granting of a “facilitated” passport to residents of the Occupied Territories who had requested it (to date there are about 400,000, out of 3 million of residents) for “humanitarian reasons”, behind which obviously lies the veiled threat of being able to have an easy casus belli should an armed intervention needs to be justified.

In response to this veiled threat, the following day April 13 at a meeting in Brussels, U.S. Secretary of State Anthony Blinken and Ukrainian Foreign Minister Dmytro Kuleba confirmed the importance of the strategic partnership between the two countries. Both Ukrainian and American diplomats agreed that they needed to take action in order to “demotivate Moscow from further escalation“; the same day, US President Biden called his counterpart Putin to propose a meeting in which to discuss the issue in its entirety, but , when Moscow seemed to have achieved a “normalization” of the situation, the expulsions of diplomats and the implementation of new economic sanctions on the Sovereign Funds of the Russian Federation began in the US (officially relating to the case of Alexey Navaly and his treatment in detention), but which in my opinion had more the flavor of an appropriate response: “you-are-not-the-only-ones-able-to-use-humanitarian-pretexts-for-other-purposes“.

A declaration of intent absolutely not misunderstood, which has aroused a series of diplomatic reactions on both sides, as well as, obviously, within the European Union. The question arose spontaneously: “is it really a new line or is it just a way of pointing out a heavy question of internal politics?“. As we know, the four years of the Trump presidency were characterized by suspicion of interference by Moscow into the internal politics of the United States, a suspicion fueled by the “benevolent” attitude held by the former president regarding the relations between the two countries. I have often said it, but it is good to reiterate it: the Russian elites, out of conviction or opportunism, continue to feed the mythology of the Cold War, in the hope of being able to return to the table of the Great Powers and at the same time preserve their position of power, showing themselves to the eyes of the public opinion in their country as the only way to avoid falling prey to alleged “Western conspiracies”.

But let’s start from the beginning, since this situation is one of the results of other events that have occurred in recent months. The first and foremost is certainly the change of administration in the United States, with the beginning of Joe Biden’s mandate at the White House: shortly after taking office, the President, and his entourage, overturned the line of laxity towards the Russia: in February, at the Munich Security Conference, the American President peremptorily affermato: “America is back“, making it clear that Russian interference (from propaganda to cyberwarfare) in the West would no longer be tolerated, reiterating then the concept in an interview with ABC, calling his counterpart Vladimir Putin “a killer”. Following that, the combined efforts of the Foreign Minister Dmytro Kuleba and Secretary of the National Security Council Oleksiy Danilov, leads to Ukraine’s “new approach” towards Russia, and managed to “give a shake” to the President Volodimir Zelensky, who, due to inexperience and lack of external support, left Russians do essentially what they wanted, using the Minsk Agreements as a lever to move Ukraine’s internal politics at will.

Here, in the West, if the global pandemic hadn’t made us deaf and blind, we’d be talking about front page stuff. Despite those facts, fortunately, a military escalation seems unlikely at present, for several reasons.

At first glance, disparity of forces in the field is evident, clearly in favor of Russia, and this fact alone could immediately make one think of the worst. But, as several military analysts have rightly pointed out, this deployment of forces does not necessarily have to be the prelude to a large-scale offensive. It could be configured, for example, as a “response” by the Russian Federation (together with Belarus) to the large military exercise carried out by NATO since the beginning of March, under the evocative name of “Defender-Europe 2021“, in which 27 Countries took part, including Ukraine, representing the largest coordination maneuver in 25 years, with a similar maneuver named “Zapad-2021” scheduled for September. Sergei Shoigu, the Russian Defence Minister, stated the following: “a sudden check of the combat readiness of the troops of the Western and Southern military districts was carried out as part of [Russia’s] control measures and exercises during the winter period of training.

Second, an attempt at normalization has been carried out both in Europe, which began on April 16th, with France, Germany and Ukraine on the one hand and Russia (not represented at the summit, but nevertheless present) on the other, and, of course, by the United States, with Biden’s proposal to Putin of a meeting aimed at discussing the Ukrainian situation “on a broad spectrum“. Although these negotiations are currently at a standstill, the very fact that they exist implies that the military option is considered, even in the Kremlin, as something to be used as a threat but to be avoided at all costs. Further proof of this attitude, especially on the Russian side, is an apparently banal but interesting episode: in an interview with Rossiya24, a “government” broadcaster, Russian Foreign Minister Lavrov stated that Russia was ready to “break relations with the European Union “on the Ukraine question. These statements were immediately followed by a quick denial by Vladimir Putin’s spokesman, Dmitri Peskov, who denied the Minister and backtracked very quickly, citing justifications of circumstance. Taking into account that Lavrov is certainly not a minor character or just any politician, the fact that he was so abruptly denied from above is indicative.

Is it all a matter of “flexing muscles” then? Not exactly, in my opinion.

A map of the Northern Crimean Canal as reported by BBC.com

Indeed, there is a goal that a possible offensive could aim at: the Northern Crimean Canal, recently closed by the Ukrainian government and source of supply of 80% of the country’s drinking water, which has caused many problems for the regions under control. Russian. The question is whether the Kremlin is ready to take this risk: if on the one hand the superiority of means could make a “blitzkrieg” conceivable, on the other hand this could turn out to be a move with decidedly catastrophic consequences, compared to a possible “gain” in territorial and resource terms. In fact, it would be necessary to fight on Ukrainian territory, where now there are about 300,000 veterans of the Donbass, motivated, benefited by the knowledge of the territory but who above all would be immediately supported by the West. Making the decision to attack to “send a signal” could prove to be the most counterproductive the Russian government has done in recent years.

Two problems face the Kremlin. First of all, as I have explained several times, the image is everything for the elite of the Russian Federation: how would the regime be able to explain the enormous cost in human lives, or a possible military failure (the army is still one of the few institutions in which the population trusts) in the context of that confrontation / clash that propaganda has been carrying out for years? The second problem concerns the economic repercussions that the decision to force the hand would have on the country: if on the one hand Europe must limit itself to warnings, the United States is planning a series of very heavy economic sanctions, for now stopped in Congress because the result of a bipartisan agreement between Republicans and Democrats whose internal tensions have not yet subsided after the electoral defeat of Donald Trump, but which in the eventuality of armed aggression would immediately come into being (who would risk, after the scandals of the previous four years, to support the soft line with Russia?), and that would be a very hard blow for the whole country. Also in this case, maintaining the image of “prosperity” would be very complex, and probably it will not be enough to “pull out nationalism when you run out of money” to get out of it, also because this would seriously risk triggering a further chain reaction. from which it would be impossible for the central power to escape unscathed.

At that point, the possible scenarios would be two: withdrawing and losing face, trying not to arouse excessive media hype and finding a way to justify the “setback” with public opinion (changing the game and reporting external problems within the country , downloading them, for example, on the non-organic political opposition to the system, such as that of Navalny for example), or to go straight and decide to tighten even more clearly the relations with the only other ally of weight on which Russia can count: the People’s Republic of China. This last hypothesis, in spite of those who have spoken for years of a common front between the two countries with an anti-Western function, is actually the result of a reasoning that was firm at the time of the Cold War, which seeks to replicate patterns known, making up for the inability to explain reality.

In fact, as I happened to underline on other occasions, the most concrete (but never manifested) danger that the Russian elites absolutely want to avoid running into is precisely an increasingly close relationship with China. The reason is obvious: if it is true that the export of raw materials to Chinese factories is among the most important components of the Russian economy, on the other hand, those in charge are clear that the more the country moves to the East, the more it risks becoming an appendage of Chinese power. With the exception of the military sector (of reduced size only by Beijing’s choice) all the cards are in favor of the Asian giant, which in recent years has extended its influence even on those countries that Russia normally considers “its own” (yes think of Central Asia, or, lately, some Balkan countries that have opened up to the Chinese vaccine market, but that’s another story), without anyone in Moscow being able to do anything about it or daring to risk criticism of any kind.

This time the situation seems to be decidedly more serious, even if some other events, apparently distant, can offer the explanation of the escalation.

And it is at this point that it is necessary to take a step back, and take a closer look at the foreign policy undertaken by the new American administration: as mentioned, if on the one hand it has all the appearance of a provocation against Russia, a retaliation for the precedents years of interference in American politics, it is not necessary to forget that the objective of the United States has long been another one. In fact, further east, precisely in the Pacific, a game is being played that the United States considers much more important than any confrontation with Russia, namely to contain the influence of the People’s Republic of China on the region. For years, the overwelming US military supremacy has kept the Asian giant’s ambitions in what it considers “rightfully” its own zone of influence at bay, but lately things have changed and Chinese naval forces have begun to accompany the economic expansion of the country in the Indo-Pacific area. It is no coincidence that one of Joe Biden’s first acts as president was to preside over the first meeting of QUAD, an alliance of the four democratic countries that have interests in the Pacific Ocean (India, Australia, Japan and United States) and who do not look favorably on China’s expansion to their detriment, that, as already reported on this site, could sign the beginning of significant changes in the area.

All those facts leads me to ask: what if these maneuvers, apparently aimed at striking Russia, were instead a way to put the country’s leadership in front of a choice between West and East?

That Joe Biden’s “provocative” statements serve this purpose? And that the “outstretched hand” of Europe, specifically of French President Emmanuel Macron, is not a simple sign of surrender, but rather a counterweight in a “carrot and stick” strategy, intended to go and see the bluff carried out. for decades now from the upper echelons of the Kremlin? In this situation, two key points of the ideology of the facade of the Russian Federation seem to begin to fail, namely that of its “peculiar identity”, neither Western nor Eastern, together with that of the Cold War which sees the country as the main pole of anti-atlantist, an idea that loses credibility even in the eyes of the Russians themselves with each passing year. That somewhere in Washington they have understood that the program of responding to Russian propaganda with other propaganda, the one centered on embezzlement by members of Putin’s “inner circle” is a fallacious and useless strategy, as demonstrated by the Navalny affair , and that perhaps the real breaking point will be to confront Russian public opinion with something far more significant? Such as “what shall we do with our lives?”

In a possible future confrontation (whose lines have already been “drawn”) to balance the relationship between West and East, there is no doubt that the side on which Russia will take sides will be fundamental, not only for geopolitical issues, but also for the future of Russian citizens themselves: to let autocratic power preserve itself, becoming more and more enveloped in a decadent spiral that will inevitably lead to a sort of vassalage condition with respect to China, or to deny itself, its image and all the propaganda rhetoric put in place to hold together the “pieces” of the country and gradually groped a rapprochement with the much-maligned West?

As Andrei Piontkovsky stated in an interview with Olga Khvostunovna on the Institute for Modern Russia Meduza: "To ensure that Russian changes its foreign policy, the battle for the minds of Russian citizens has to be won“. And perhaps, I think as a European, it is not the only battle that must be fought and won, if we really want the future of all of us to be different, but that’s another story.

The “Eternal Gulag”, a look inside Post-Soviet Countries resistance to changes

“Speaking in London with Mikhail Khodorkovskij we said to ourselves that we realize one thing. If a person has been in the Soviet Gulag, as soon as he leaves he cannot be free, he does not know what freedom means. The bandits have taken over and we continue to live by the rules of the Gulag. We can only prepare people for the future which could be quite far away.”

(Svjatlana Aleksievich, in an interview by Fabrizio Dragosei for the italian newspaper “Corriere della Sera”, March 28, 2017)

Welcome Back to Unpredictablepast.com,

This article is intended to be what we could define as the conclusion of the events concerning the protests in Russia, generated by the attempted murder of the main opposition leader Alexey Navalny and his subsequent arrest and conviction, through a lightning trial with fairly motivations and questionable sentence. As usual, when I say “conclusion”, I am not referring to the fact that the movement of events is over, and that I will stop following it in detail, but that the right moment has arrived to draw some conclusions from the facts previously analyzed.

Inside there will also be some reflections on Belarus, and on other ex-Soviet countries that have experienced similar events and of which it is good to talk again, also in this case trying not to limit ourselves strictly to the facts and trying to observe everything in the most wide range possible, and every possible example will help us in analyzing the situation, and to do this, we will go through a series of points that most of the situations considered so far have in common:

Державничество (Dierzavnichestva)

An incomprehensible term for a Westerner, but one that is crucial if one wants to understand what is the heart of the problem in some post-Soviet countries, above all the Russian Federation. Often, especially in English texts, it is simply translated as statism or, at times, nationalism: an error in my opinion, not just because russian language has specific terms to indicate statism (этатизм, etatiszm), nationalism (национализм, nazionaliszm) or patriotism (патриотизм, patriotiszm).

This word has a different meaning, however, in the sense that it includes and amplifies the previous terms and can be translated with the paraphrase “Either [Russia] is great, or it is not”. A concept that could be assimilated in some way to the politics of the French “Grandeur”, with the difference that, while progressively the latter succeeded in a more or less tragic way (think only of Algeria and what was called Indochina) to come to terms with the end of a historical era, that of Imperial Colonialism, the Russian Federation, which since 1989 has inherited much of what was the Soviet Union, has not been able to do so.

The issue certainly deserves a detailed study, but, speaking of the reasons that led to the current situation, it necessarily deserves a prominent position, as essentially all the others derive from it. If you think about the most important international events in the last twenty years, you will realize for yourself how this ontological vision of a state based on its “prestige” (the term is used by George Orwell in one of his most important writings, Notes on Nationalism) was the main impediment to a “normalization” of Russia within the world context, and also within it: every attempt made in this direction (yes, even by Vladimir Putin) has crashed into this insurmountable wall created by a Past that has progressively become both Present and Future.

The desperate attempt not to lose a prominent role as a Superpower can be found hidden in every attitude of the Russian government: from foreign policy, still mainly governed by a more or less veiled hostility towards the West, to the series of murders or attacks carried out towards political dissidents. Everything refers to an image of Undisputed Power, or at least of “new bipolarism” or “new Cold War” that the ruling class wants to give of the country, making it explicit both with concrete actions (but, to note, without ever exceeding), and through the propaganda that rages especially on the web (to date, the flagship product is the infamous Sputnik V vaccine).

Even smaller countries closely linked to Russia (such as many of those of the former USSR or adhering to the Warsaw Pact) still have similar problems, albeit in a “reduced” version: Belarus is a perfect example (in the articles I have I wrote about it extensively), but also the countries of Central Asia (those that Erika Fatland wittily defined as Sovietistan) have been heavily affected by this attitude: “imitative” in domestic politics and “limiting” in foreign policy.

Centralization of Powers

The second question which, in my opinion, is an obstacle to any change is that of the centralization of powers and the consequent “messianic” vision that is generated within the population, including both “the average man” and “the ‘intellectual”.

This problem stems from both historical reasons and purely political intentions. Without the need (as is done in some cases) to go back to Kievan Rus’, to the Mongols and so on, if you look at what was the “feeling” one breathed in the few years in which the decline of the USSR took a strong acceleration until its dissolution, it can be seen that the element that terrified those who at the time lived the events in the first person, was the terror of a civil war, especially within the RSFR. Once the Central Power lost its grip on a territory of such vastness and heterogeneity, the fear was not only justified, but concretely realized: not at the level, for example, of the Civil War following the dissolution of Yugoslavia, but, for example, with the birth of movements with a strong ethno-nationalistic or religious connotation, which once the Soviet “Mastiff” disappeared recalled the ancient hostilities and unleashed a myriad of local conflicts, just think of the Caucasus area, where the conflicts and animosities of ethnic, nationalistic, religious are still there to make the whole area a powder keg.

The political clash between parties and factions was also very strong, fueled by both these fears and by the disastrous “economic transition” implemented by Yeltsin, leading to the “Constitutional Crisis” (in fact an attempted coup by some high grades of the Army, then used by Elstin as a pretext to center all the powers on himself, as the President of the Russian Federation) of 1993, resolved with the shelling of the Parliament, an episode that, in hindsight, became a tragic preamble of the following years.

The White House (The building in which the Russian Parliament reunites) burning after being shelled by artillery fire

Matter of fact, when Vladimir Putin replaced Boris Yeltsin as President of the Russian Federation at the eve of the new millennium, he found the way cleared to do what he wanted, or rather, what, as we will see, the country expected from him.

His figure should have put an end to the internal clash by acting as a balance in the “redistribution” of powers, which subsequently led to the hypertrophic expansion of the presidential cabinet to the detriment of the constitutionally appointed bodies to guide the Russian Federation, which in the course of the years have become “facades”: legally they exist and their powers are constitutionally legitimized and regulated, de facto, everything passes through the presidential entourage (a body that only with the last referendum had a sort of de jure legitimacy) which imposes its decisions to all other state bodies.

“Political Messianism”

And it is precisely from this centralization of powers on the figure of the Head of State that another problem arises that should not be underestimated: “Political Messianism“.

If it is true that historically the Russians have had a very close and personal relationship with the figures in power, this is something that is more part of a medieval legacy than of a democracy (even under construction, as it was at the time). This is because in the population the conviction is created that only the apex of power can act on public life, disempowering them and at the same time generating peaks of ecstasy at every regime change and profound resignation in the following period: Gorbachev, Yeltsin and finally Putin have had all this “sacred aura”, which heralded an epochal change, then regularly disappointed. Of the three, the last is the only one who made sure that this aura was continually renewed in some way (and he did, for better or for worse).

In this sense, citizens are beginning to get used to this ambivalent thought: on the one hand, there is no alternative to the current state of affairs, or there is fear that the change will be disregarded and will lead the country towards disaster; on the other hand, the change at the top is seen as a New Advent, in the Christian sense of the term, something inevitable and that will surely open the doors to the Golden Age by sweeping away Evil. Both attitudes are the furthest away from a democratic process: they reflect an almost monarchical attitude towards power, the activity of the citizen is limited to being for or against a power that, although perceived in a highly personal, it remains something inaccessible, untouchable, but above all not contestable.

Political Messianism does not look at political figures in rational terms, but in emotional terms, which makes any public debate worthy of the name useless: everything is reduced to a Manichaeism that sees the Rightful on one side and the Damned on the other, creating a climate of perennial tension in which the entire social body is involved on a daily basis. We cannot know if Alexey Navalny will be the next President, or at least if he’s movement will led to a political change, but it does not matter as long as the centralization process is not reversed and the figure of the Man of Providence does not come to decline in the eyes of the population.

Corruption

As I have already stated, fighting corruption, especially in those countries where it is endemic, such as Russia (in fact, since the Soviet Union). But as usual, “the devil hides in the details”: perhaps few remember that, but corruption was one of the biggest problems even during the governments of Boris Yeltsin, a period in which the notorious figures of the “Oligarchs” emerged, of which “Tsar Boris” had to secure economic support especially during his second term, making many concessions to them, to the point that some went directly into the presidential cabinet or the government. Putin himself, at the time the right arm of the mayor of St. Petersburg Anatoliy Sobchak, was embroiled in shady deals concerning the embezzlement of Western aid together with his boss, doing his utmost when he lost his power due to his own illness to make him expatriate.

St. Petersburg mayor Anatoly Sobchack and a young Vladimir Putin 
Dmitry Lovetsky/AP

This is why he was chosen as Yelstin’s successor. No machinations of the KGB / FSB, or other sort of spy-story conspiracies: two things were expected from him, a safe conduct for the President (also too ill to fulfill his duties) and for his family, and a continuity with Yeltsin’s line on power management. But those who hoped to be able to maneuver “Volodiya” at will, soon realized that they had made a big mistake.

Starting from his second term as President of the Federation, Putin unleashed the judiciary (in the meantime passed almost entirely under the control of the presidential entourage) against the Oligarchs: lightning trials, heavily mediated, found many of them guilty of financial crimes, causing them to end up in imprisonment or forcing them into exile, and, more importantly, the state seized their properties by reassigning them to the new “circle” that Putin had created in the first years of government. Thanks to this “Witch Hunt” its popularity skyrocketed, both at home and, unfortunately, in the West, a first sign, of which few realized, that the idea of ​​a democratic Russia had been set aside and that also in countries where the rule of law was not just a facade, something had changed, and liberal democracy had begun to be devoured by the cancer of the “Vox Populi, Vox Dei”.

In Belarus, Lukashenko seize his personal power more or less in the same way: as we already saw in the essay on his ascent to power, he uses his position to launch a massive anti-corruption campaign, which basically cut off the head of the Belarusian State, and replace them whit himself.

Today, in both countries, the corrupt have changed, but not the system of corruption, which is inevitably linked to the concentration of power and the maintenance of a balance of forces that move under the apparently granite skin of the administration. We also have someone else who, very naively, thinks of eliminating corruption by eliminating the corrupt: whoever succeeds Vladimir Putin, tomorrow or ten years from now, will have to seriously ask themselves the question, and put it in front of the population, or the cycle will simply start again from the beginning.

Et Pluribus Unum

A third point never dealt with in a democratic way is the heterogeneity and complexity of territories, ethnic groups and religions that make up Russia, just as the relationship with the other former Soviet Republics has never been dealt with in the same way.

This attitude has mainly two reasons: the first, the more concrete one, is that many of the regions that claim more autonomy, or at least a more decentralized federal system, are strategic for the economic survival of the Federation, which is entirely based on the export of materials. the first that come largely from the transural territories, but whose control in the years passed, as mentioned, to Moscow, or, even better, to the circle created around the President. We have seen how, even during the pandemic emergency, resources continued to be drained from these territories in exchange for meager state subsidies and the burden of managing an unprecedented health crisis.

The second reason is that of the “prestige” of the “Dierzavna”: Vladimir Putin, in particular, represented, compared to his predecessor, the “champion” of the unity of the Russias, starting from the beginning of his mandate, which coincided with the Second Chechen war, passing through the war with Georgia up to the invasion of the Ukrainian territories considered “natural part of Russia”. A symbolism that is progressively decaying, due to the increasing intolerance of some Regions towards the central government, and above all because of the economic power of China, which is slowly eroding Russia’s influence on some territories, without this being able to counter it in any way.

The Russian Federation in this has inherited the behavior of the USSR in all respects, exchanging tanks and guns with threats of an economic or psychological war, but the principle remains the same and indeed, makes everything a house of cards even more shaky, with unpredictable consequences.

Smaller former Soviet republics have adopted the same attitude over the years: the confrontation in Nagorno-Karabakh that I have repeatedly spoken of is the most striking example. Power is based on the ability or not of the rulers to gain prestige and superiority over the Enemy, seen as an atavistic nemesis with which there is no compromise: yesterday Ilham Aliyev was a hated corrupt autocrat, today a national hero, in the same way, his counterpart Pashinyan was the hero of the Velvet Revolution, now a traitor who lost Artsakh. There are places where coexistence is not impossible, it has been made impossible in order to rise to power and keep it at the expense of the population.

Lack of concern about Liberal Democracy

In conclusion of what has been written so far, you can understand how much the discussions made around Russia and other countries in recent months take on surreal connotations, at least as far as I’m concerned. We have pages after pages of analysis, forecasts, hypotheses with a common substrate: the constant avoidance of concrete problems.

Those who, including me, deal with these events, should try to free themselves from a debate that feeds the problems, rather than trying to solve them. This does not mean not taking a position or boasting an alleged objectivity, but understanding how much we are personally involved and why, without thinking of being immune to it just because we know a little more than the average reader. This would not only help those who try to fight seriously so that their country comes out of a situation considered unsustainable, but also to notice how much this attitude goes to question our beliefs, and personal prejudices, which contribute to fuel the problem, making it endemic.

This is the “Eternal Gulag” in which the post-Soviet countries have fallen (and they are not the only ones, but this is another story): a continuous struggle between factions that slaughter each other to divide increasingly scarce resources, under the close surveillance of guards “ideological”, armed and threatening, which do not let anyone leave the camp and do not send news from the outside world, which in the meantime is moving forward.

Lontano dagli Sguardi: Cosa sta succedendo in Russia? - Parte II

“La Russia non è corrotta. La corruzione è ciò che accade in tutti i paesi quando gli uomini d'affari offrono ai funzionari grosse tangenti in cambio di favori. La Russia di oggi è unica. Gli uomini d'affari, i politici e i burocrati sono le stesse persone. Hanno privatizzato la ricchezza del paese e preso il controllo dei suoi flussi finanziari".

(Andrei Pionkovsky, Another Look Into Putin’s Soul)

Il presidente russo Vladimir Putin dopo aver pronunciato il discorso annuale all'Assemblea federale della FR

Bentornati, amici miei

La scorsa settimana abbiamo parlato della situazione interna della Federazione Russa, e di alcuni dei problemi che stanno mettendo in grave difficoltà le alte sfere, primo fra tutti il modo in cui il Governo Centrale sta affrontando la Pandemia Covid-19 nel Paese, delegando ogni responsabilità ai governatori degli Oblast, senza però aumentare le risorse a loro disposizione, né concedendo loro nuovamente la libertà di azione che negli ultimi anni si è progressivamente ridotta. La cosa peggiore è che questa manovra è stata ideata intenzionalmente, con l'intenzione di "scaricare" il malcontento dalle spalle dell'amministrazione di Vladimir Putin, ma, come vedremo, non tutto sta andando come previsto.

Inoltre, la crisi economica si è rivelata molto più grave del previsto. Fin dai primi anni al potere, Vladimir Putin e il suo entourage hanno cercato di utilizzare i proventi delle massicce risorse petrolifere russe per risolvere i gravi problemi economici causati dal crollo dell'Unione Sovietica e dalle successive catastrofiche "riforme" dell'amministrazione Eltsin. Il successo che questa strategia ha ottenuto inizialmente si è rivelato controproducente nel lungo periodo: l'idea di trasformare la Russia in un Petro-Stato modellato su alcuni Paesi Arabi ha esposto il paese a continue crisi, creando un sistema economico molto più fragile di quanto non appare dall'esterno. Con l'arrivo della pandemia e il rallentamento dell'attività industriale globale, è diminuita anche la domanda di approvvigionamenti energetici e di materie prime, lasciando, come abbiamo visto nel precedente articolo, molti Oblast russi con le casse vuote ad affrontare una situazione di emergenza.

Sebbene la situazione sia quantomeno problematica, anche basandosi sui dati ufficiali forniti dal Ministero della Salute, il Presidente e il Consiglio di Stato non hanno perso l'occasione di fare quello che sanno fare meglio: Propaganda e ulteriore Centralizzazione del Potere.

Mentre i laboratori e le aziende farmaceutiche di tutto il mondo lavoravano instancabilmente per trovare un vaccino o cure più efficaci contro il Covid, l'11 agosto di quest'anno, invece di annunciare la solita "macchina del giorno del giudizio" o altri tipi di progressi militari, Vladimir Putin ha annunciato che la Russia era in possesso ed aveva registrato il primo vaccino contro il Coronavirus, battezzato, per ricordare i "vecchi tempi", con il nome evocativo di Sputnik V. Come poteva il governo russo perdere una simile opportunità, nella sua lunga serie di disperati tentativi di apparire “alla pari” dei Paesi Occidentali? Kirill Dmitriev, capo del Fondo russo per gli Investimenti Diretti (FRID), responsabile del finanziamento della ricerca sui vaccini, ha definito questo un Momento Sputnik, nelle sue stesse parole: "Gli americani sono rimasti sorpresi quando hanno sentito il segnale acustico dello Sputnik. È lo stesso con questo vaccino. La Russia è arrivata prima. "

Nonostante l'efficacia del presunto vaccino non fosse ancora stata provata (e fino ad oggi si sa poco, tranne che il 23 novembre le infezioni quotidiane in Russia hanno battuto tutti i record precedenti, sicuramente non un buon segno), Dmitriev ha anche affermato che venti paesi erano pronti a comprare un miliardo di dosi di Sputnik V: un ottimo modo non solo per ottenere un guadagno finanziario sostanziale da una cura (eventualmente) riuscita, ma avrebbe anche guadagnato il rispetto internazionale come centro scientifico e frustrato gli Stati Uniti e l'Europa paesi, in una sorta di riedizione della corsa allo spazio, pensata per alimentare la memoria di un passato che in Russia negli anni ha assunto la forma di “fattore di coesione nazionale”, ovviamente nella sua versione rivista e corretta (ma questa è una storia a parte).

La cosiddetta “seconda ondata” si è rivelata ancora più esemplare per quanto riguarda la disfunzionalità di un sistema che cerca di fare di ogni evento un punto d'appoggio per la propaganda: come accennato nell'articolo precedente, la mancanza (intenzionale) di spazio di Oblasts ha trasformato la risposta all'emergenza in una cacofonia di misure discordanti, accuse reciproche e malcontento generalizzato. Le amministrazioni regionali sono rimaste completamente alla sprovvista, prive, oltre della già citata autonomia fiscale, di numeri “trasparenti” su cui basare la risposta all'emergenza. Come mostrano alcune analisi, il numero di morti dalla prima ondata è probabilmente sottostimato di cinque volte.

Vladimir Putin ha dichiarato chiaramente di non voler attuare misure restrittive o serrate più forti, proprio per evitare problemi di reazioni “troppo visibili” all'interno della popolazione, ed i governatori gli hanno sostanzialmente obbedito, e, a tal proposito, ci si potrebbe chiedere se i numeri inviati al governo centrale sono veri e come vengono da esso trattati.

Passando alla Centralizzazione del Potere, poco prima dell'annuncio di Agosto, si è tenuto nella Federazione Russa un Referendum Costituzionale, già previsto per l'inizio dell'anno, per sottoporre alla popolazione l'approvazione di alcuni emendamenti alla Costituzione. Come nel caso dell'emergenza sanitaria, il progetto di riforma costituzionale è poco più che una “ridipinta” ad una facciata di un edificio che sostanzialmente all'interno non cambia, o peggiora ulteriormente. Un espediente tipico delle cosiddette "Democrazie Illiberali": al popolo viene dato quello che vuole ma nel modo deciso a priori dal governo. Date le recenti proteste degli ultimi anni, che richiedevano una maggiore partecipazione popolare, quale modo migliore per essere aperti e democratici di un referendum nazionale (in russo "всенародное голосование", che può essere tradotto come "Votazione Nazionale")? Ovviamente mettendo tutto in modo che il voto possa essere facilmente orientato verso il risultato voluto (ad esempio inserendo tra gli emendamenti regolamenti sul salario minimo o sull'indicizzazione delle pensioni).

I risultati del voto costituzionale russo nel 2020. In verde, Gli Oblast in cui gli Emendamenti Costituzionali sono stati approvati dalla maggioranza (la maggioranza dei "no", in rosso si è avuta nell'Okrug Autonomo di Nenets ed è legata a questioni territorialipiù che ad un'opposizione alle riforme)

Legalmente, il referendum non era nemmeno necessario per questo tipo di emendamento costituzionale. L'approvazione delle riforme costituzionali si è attestata attorno al 75%, ma come accennato in precedenza, non era difficile da immaginare, poiché in sostanza tutto era poco più di una gigantesca pantomima sin dall'inizio.

Le cose che più interessavano l'enstablishment della Federazione Russa sono state la cancellazione definitiva della norma che impone un numero limitato di mandati presidenziali (regola che l'ultima volta è stata aggirata dal Tandem Putin-Medvedev negli anni 2012-2020), la regolarizzazione del Consiglio di Stato, organo che ufficialmente dovrebbe assistere il Presidente ma che di fatto negli anni è diventato l'unico vero centro di potere della Federazione, anche se non legalmente regolamentato in tal senso, e introdurre infine il divieto di “alienazione dei territori russi ”(La responsabilità penale per la minaccia “integrità territoriale” è stata introdotta nel codice penale nel 2014) assieme ad un "sistema unificato di potere” dai Capi Municipali al Presidente.

Per spiegare meglio come questa non sia solo la mia opinione, propongo il pensiero di due esperti in materia:

Elena Lykyanovaavvocato, professoressa di diritto costituzionale e amministrativo presso la Higher School of Economics ha dichiarato in un'intervista al sito web Meduza: "È una vera minaccia per l'ordine costituzionale. Non c'è espansione dei poteri reali della Duma e del Consiglio della Federazione ... poiché tutto questo è un gioco di parole: conferma, nomina, ecc. Il presidente può licenziare qualsiasi giudice o pubblico ministero, quindi nessuno di questi [emendamenti] funziona. Non ci sarà un governo veramente responsabile. Può nominare qualcuno, ma il giorno dopo il presidente può rimuoverlo, sostenendo mancanza di fiducia. Lo stesso vale per il primo ministro. La Duma lo approva, ma è il presidente che nomina. Ancora una volta, è un gioco di parole. Il parlamento non sta guadagnando più controllo, né il governo sta assumendo maggiori responsabilità. Tutto questo è un rafforzamento della "verticale del potere". È la costruzione di una unificata, non democratica, non federativa, verticale - senza separazione dei poteri e senza una magistratura indipendente, ma con una palese violazione dei diritti dei cittadini“.

Oppure Victor Sheinis, Coautore dell'attuale Costituzione, capo ricercatore presso l'Istituto di Economia Mondiale e Relazioni Internazionali (Accademia Russa delle Scienze), deputato della Prima e della Seconda Duma di Stato Russa, membro del comitato politico del partito Yabloko, che, nella sua intervista con il Nezavisimaya Gazeta, afferma che: "La maggior parte degli emendamenti alla Costituzione ha a che fare con la procedura per la formazione degli organi di governo della Russia e dei loro poteri, in primo luogo quelli del presidente. La Costituzione del 1993 è spesso chiamata "superpresidenziale". Come ho più volte sottolineato in precedenza, soffre a causa degli eccessivi poteri conferiti al presidente (che può essere spiegato dalla situazione politica all'inizio degli anni '90). <…> Si dice che l'attuale disegno di legge preveda una redistribuzione dei poteri tra il presidente e il primo ministro. Non è così. Nella migliore delle ipotesi, sono cambiate solo le procedure e il modo in cui sono enunciate. <…> Il governo, che in una parte è gestito direttamente dal presidente e in un'altra parte [indirettamente da lui] attraverso il primo ministro, rimane com'era - il gabinetto del presidente. Immutata anche la procedura [della sua formazione]: il governo si dimette dopo le elezioni, e riferisce al Presidente, non all'Assemblea Federale. E il presidente può licenziare il governo a sua discrezione. Anche i termini per lo scioglimento della Duma rimangono gli stessi".

12 luglio 2020: Migliaia di persone protestano a sostegno del Governatore arrestato Sergey Furgal nel Khabarovsk. Foto: Youtube.

La questione della gestione della Pandemia e quella della Centralizzazione del Potere si sono poi unite nel mese di Settembre, nel quale, il giorno 13, si sono svolte le elezioni governative in 18 Regioni e quelle per le Assemblee Legislative in altre 11. Nonostante il carattere “routinario” che ha questo tipo di votazione (come detto, infatti gli organi regionali hanno poca o nessuna autonomia) questa volta l'atmosfera era diversa proprio per i motivi sopra citati.

Negli anni passati, la strategia adottata dal Cremlino in questi casi è stata una combinazione di fattori dati dalla demotivazione dell'elettorato, l'abuso delle leggi elettorali, la cooptazione della famigerata "opposizione di sistema" e infine le barriere amministrative che hanno creato un ostacolo burocratico insormontabile a candidati indipendenti o non legati alla “Russia Unita”, l'unico partito che ha i mezzi e le strutture a disposizione per superare questo “muro”.

Questa volta la vittoria, solitamente più semplice, ha visto un fatto inedito, almeno per quanto riguarda l'Era Putin: un confronto più netto, con proteste spontanee diffuse, sui problemi di Centralizzazione del Potere, soprattutto da parte delle regioni dell'Estremo Oriente, che si considerano sempre più trascurate e, in questo frangente, letteralmente abbandonato da Mosca: Alexey Navalny stava girando una serie di documentari sui governi regionali nell'area siberiana, prima dell'avvelenamento da parte dell'agente nervino noto come Novičok, che lo ha costretto a riparare in Germania, l'unico episodio che ha avuto una copertura mediatica in Occidente.

In tutto questo, la stessa figura del Presidente Vladimir Putin, fino a pochi anni fa praticamente fusa con l'immagine della Russia stessa, spauracchio dell'Occidente, è sempre più defilata, nonostante mantenga sostanzalmente lo stesso potere, è probabilmente impegnato a reggere in equilibrio i diversi gruppi di potere che in situazioni come questa cominciano ad azzannarsi l'un l'altro per conservare la propria influenza all'interno di una cerchia sempre più ristretta di individui.

Ma questo sarà l'argomento dell'ultima parte di questo excursus sugli eventi dell'ultimo anno, oscurati dai problemi globali in cui siamo tutti coinvolti, o semplicemente da temi che hanno la priorità sui giornali, come le elezioni americane. Spero che ora alcune delle mie dichiarazioni su argomenti discussi in precedenza siano più chiare, come la crisi in Bielorussia o la guerra del Nagorno-Karabakh, quando ho affermato che la Federazione Russa aveva altri problemi, più urgenti di quelli di Minsk o dell'Artsakh e che avrebbe evitato il più possibile un coinvolgimento diretto negli eventi, come in effetti è stato.

Spero che abbiate trovato l'argomento più chiaro, oltre che interessante. Grazie per aver letto queste righe e arrivederci alla prossima settimana.

Lontano dagli Sguardi: Cosa sta succedendo in Russia? - Parte I

Quando pensiamo di comandare, siamo più comandati.

Lord Byron, I Due Foscari (1821)

L'ex presidente Boris Eltsin all'inaugurazione di Putin nel 2000
Photo di GETTY

Bentornati su Unpredictablepast,

La scorsa settimana ci siamo occupati delle elezioni Americane, guardando nello specifico alla “Personalizzazione” della politica ed a cosa succede quando le istituzioni vengono progressivamente delegittimate. Nelle passate elezioni, al centro del dibattito c'era la questione dell'influenza russa sul dibattito pubblico e dei legami che il candidato repubblicano, poi eletto, Donald J. Triump, aveva con Mosca. In queste elezioni il problema sembra essere in qualche modo scomparso, così come l' ombra di Mosca sembra essere scomparsa dal dibattito mediatico, e per questo credo sia giusto cercare di ricostruire, almeno in parte, cosa sta accadendo in Russia e perché.

Innanzitutto, ovviamente, la pandemia globale di SARS-Cov2 occupa tutte le prime pagine, ma il problema non è tutto lì: come gli altri paesi, la Russia è colpita da questa minaccia globale, ma questa volta sembra aver accusato maggiormente il colpo rispetto ad altri.

Fino a poco prima che il virus apparisse a Wuhan, sembrava quasi di essere in un “nuovo” clima da Guerra Fredda: questioni come la guerra psicologica che cercava di minare le basi degli Stati occidentali, la sostituzione degli Stati Uniti in Medio Oriente come nuova potenza egemonica insieme all'Iran (anche Nethanyau aveva inaugurato rapporti più “rilassati” con il Cremlino) e l'invasione della Crimea, sembravano aver ricostruito un bipolarismo nel quadro geopolitico globale. La Russia era"resuscitata" e pronta a riconquistare il suo posto tra le potenze mondiali.

O almeno questo era il tenore del dibattito pubblico.

Come al solito, in tutto questo c'è una parte di verità e un'altra “gonfiata” da TV, giornali e siti web, incapaci di fare analisi accurate e titoli meno clamorosi, cosa che al Cremlino non dispiaceva affatto, anzi. Parleremo di più di questo argomento nel prossimo futuro, per ora concentriamoci sui recenti eventi, passati sullo sfondo per i motivi sopra menzionati.

Prima di tutto, come abbiamo detto, quanto è stata effettivamente colpita la Russia dall'epidemia?

Sicuramente molto di più di quello che mostra. Dall'inizio della crisi, agli occhi di noi che da tempo osserviamo il Paese, è accaduto qualcosa di molto strano: il Governo Centrale è infatti sembrato intenzionato ad “allentare” la presa sulle Istituzioni Federali, dando loro carta bianca per gestire l'emergenza. Per chi non ha familiarità con la politica russa, questo non è molto strano, chi è leggermente più interessato a queste questioni sa che lo scontro tra le istituzioni degli Oblast (gli Stati Federali della Russia) e quelle centrali è in corso sin dai tempi del Boris Eltsin: la Russia è un Paese vasto e multiculturale, e molte delle sue regioni hanno un forte senso di comunità e autonomia, incarnato dai Governatori Regionali, unica “spina nel fianco” rimasta in un sistema di potere che negli anni ha diventa sempre più centralizzato nella figura del Presidente e dei suoi “plenipotenziari”.

Nel corso degli ultimi dieci anni, in particolare, il Potere Esecutivo si è adoperato affinché i Governatori dell'Oblast rimanessero con un margine di autonomia il più ristretto possibile, memori dell'esperienza di Eltsin, Vladimir Putin e il suo entourage si assicurarono che queste istituzioni rimanessero il più strettamente legate possibile a Mosca, sia installando Governatori a loro "favorevoli" (vedi "Burattini") e limitando la possibilità di attuare politiche autonome, con il pretesto, molto sentito tra la popolazione, di non compromettere l'integrità territoriale del Paese.

Ma in questo caso, la scelta di Vladimir Putin non è una concessione o una tregua, ma piuttosto un modo sottile e astuto per scaricare su qualcun altro le gravose responsabilità di affrontare la situazione. Le Regioni non hanno ottenuto alcun “potere reale”, soprattutto in campo economico (tutto resta saldamente nelle mani del Consiglio di Stato e degli “inviati speciali” del Cremlino), ma solo la responsabilità di “dirigere” (non governare) la situazione, come hanno fatto prima: assicurandosi che l'ordine venga mantenuto, arruffianandosi i potentati locali e fare in modo che tutti votassero nel modo giusto. Quando qualcuno vuole prendere un'iniziativa, soprattutto in campo economico, deve prima aspettare che venga approvata dal Governo Centrale.

La Pandemia ha messo in luce i punti deboli della Russia (e secondo me, delle altre “Democrazie illiberali”): un governo centrale assolutamente impreparato a gestire la situazione e, per usare un eufemismo, molto carente di trasparenza, ha un solo modo per mantenere un certo grado di consenso: trova un capro espiatorio. E in questo caso a Mosca sperano di poterlo utilizzare, anche in futuro, per aumentare ancora di più la loro influenza. Per farvi capire quanto sia grave la situazione economica, pensate che anche prima della pandemia, la National Credit Rating Agency stimava che con un calo dei prezzi del petrolio 62 regioni su 83 avrebbero esaurito le loro riserve quest'anno.

Soprattutto le regioni che fanno affidamento sull'esportazione di petrolio e altre materie prime affrontano perdite fino a 560 miliardi di rubli ($ 7,5 miliardi) in entrate fiscali, perse dalle società e dall'estrazione mineraria, mentre i trasferimenti federali per ricostituire i loro budget raggiungono a malapena i 200 miliardi di rubli ($ 2,7 miliardi). Nel 2019, in confronto, i trasferimenti dal governo federale sono ammontati a 2,6 trilioni di rubli ($ 34,7 miliardi), contando su entrate regionali previste (escluso l'Oblast di Mosca) di 9,6 trilioni di rubli ($ 128 miliardi) nel 2020.

Vladimir Putin a confronto con i Governatori Regionali in una videoconferenza Photo: kremlin.ru.

I Governatori avranno quindi solo la possibilità concreta di arrangiarsi con i soldi che avranno in cassa, mentre dovranno assumersi la “responsabilità” di ogni malcontento. Ad esempio, le istituzioni regionali possono bloccare i movimenti all'interno dei propri confini, ma non vietare i movimenti tra di loro (a chi ha tentato è stata immediatamente respinta la richiesta, persino un'area "a rischio" come la Cecenia). Nonostante abbiano il più alto tasso di contagio, i cittadini di Mosca Continuano a spostarsi negli altri Oblast, alimentando lo scontro tra il Sindaco della città Sergey Sobyanin e gli altri Governatori, solo alcuni dei quali sono riusciti a imporre misure di quarantena limitate per chi proviene da zone infette. Come se non bastasse, i governi regionali non hanno la possibilità di mettere in sicurezza aree considerate economicamente strategiche dal Governo Federale (il caso di un focolaio in un ostello che ospitava lavoratori IKEA nell'Oblast di Leningrado) o che appartengono a chi, come la Novatek di Gennady Timchenko, è più vicino di quanto non lo siano loro al Presidente.

Solo pochi governatori, quelli appartenenti all'opposizione "di sistema” (cioè legati al Cremlino, ma non appartenenti al partito di maggioranza, “Russia Unita”) hanno osato lamentarsi pubblicamente dei mezzi limitati a disposizione della salute pubblica o imponendo l'uso di mascherine. In un Paese in cui la fiducia nelle istituzioni è sempre stata molto bassa, questo continuo rimbalzo di responsabilità e inazione (da una parte o dall'altra) o misure contraddittorie ha accresciuto enormemente la confusione e la sfiducia generale. Mentre da un lato si richiedono maggiori restrizioni e misure adeguate, altri, in particolare gli uomini più legati a Putin (come i governatori delle regioni di Tula e Yaroslavl, che erano entrambi ex guardie del corpo del Presidente), hanno limitato le misure restrittive a "raccomandazioni" per evitare rivolte.

La diversità di trattamento ha riacceso molte di quelle spinte centrifughe che sembravano essere state smorzate negli ultimi anni. Negli ultimi mesi è diventato chiaro, anche ai cittadini meno astuti o politicamente impegnati, che c'è una netta differenza di trattamento e un margine di manovra più stringente, a seconda che uno sia più o meno “organico” all'interno del sistema di potere.

In un Paese che finora è stato tenuto insieme dalla forte figura del Presidente, non è facile immaginare come chi ora vede all'improvviso quel potere così distante, o impreparato a gestire la situazione, possa sentirsi, mentre le persone muoiono vicino a lui. La costruzione di un sistema di così ampio consenso, centrato su una figura ben precisa e con caratteristiche peculiari, si trova disorientata e allo sbando quando questa “immagine” viene meno. E chi dovrebbe agire più concretamente non può farlo, anche se lo vuole, perché ormai ridotto a prestanome del vero potere, che intende preservarsi offrendo ai cittadini altre teste quando ne chiederanno. O almeno è quello che sperano nelle stanze del Cremlino.

Nella prossima parte vedremo come tutto questo stia già avendo effetti concreti a livello locale, e mi aiutera a spiegarvi perché il ruolo della Russia, apparentemente lanciata (dai media) verso una nuova età dell'oro, ha subito una così forte battuta d'arresto.

Grazie per aver letto queste poche righe, ci vediamo la prossima settimana con la seconda parte.

Le Elezioni Americane e i pericoli della Democrazia Illiberale

“In cauda venenum”

(Frase latina traucibile con "Il veleno [è] nella coda")

Gruppi di protesta riunitisi al di fuori dei centri di conteggio dei voti negli Stati Uniti

Bentornati amici miei,

Questa settimana è stato impossibile non affrontare in qualche modo le elezioni Americane del 2020, e per quanto mi riguarda vorrei farlo in un modo particolare, esattamente come sono state queste elezioni, che, temo, non siano finite qui. In questo blog ci siamo occupati molto spesso di quei sistemi politici chiamati “Democrazie Illiberali” o “Sistemi ibridi”: una classificazione usata per definire quei paesi in cui esiste una politica autoritaria che per un motivo o per l'altro gode di un forte sostegno popolare. Generalmente troviamo questo sistema nei paesi che facevano parte del blocco sovietico, ma anche in altre realtà in tutto il mondo.

Ma questa volta è diverso: oggi vediamo questo fenomeno all'opera anche all'interno di realtà completamente diverse, con una storia di democrazia importante alle spalle. Questo articolo vuole essere una riflessione sul loro sviluppo e su alcuni dei fattori che portano allo sviluppo di modelli Illiberali anche in Occidente.

Ho deciso di seguire queste elezioni da vicino per una questione "personale": volevo verificare il più fedelmente possibile cosa stesse succedendo negli Stati Uniti e, nei tre giorni di conteggio necessari prima che Joe Biden fosse ufficialmente dichiarato vincitore, è successo un qualcosa che non mi sarei mai aspettato, e probabilmente non solo io.

Il presidente uscente Donald Trump ha annunciato che avrebbe tenuto un discorso, e, a reti unificate, ha dichiarato che le elezioni erano state truccate. è scoppiato il pandemonio. Le televisioni sono state addirittura costrette a interrompere la diretta, non potendo controinterrogare il Presidente sulle sue gravi dichiarazioni, e, ovviamente, temendo che ci fosse una reazione esagerata tra l'elettorato repubblicano.

In pochi minuti la parola “Frode” è stata sulle labbra di mezzo mondo, americani e stranieri, a favore o contro il Presidente Trump. Non mi sarei mai aspettato una cosa del genere, nemmeno da Trump. Ed è ancora più strano, se penso al mio Paese, l'Italia: qui i politici ed i partiti dichiarano brogli elettorali prima, durante e dopo le elezioni, anche quando le vincono, per non parlare di tutte le volte che qualcuno ha urlato ad un Colpo di Stato in corso, ovviamente senza alcun motivo e, inutile dirlo, senza alcuna prova.

Durante la notte (per noi, in GMT +01) poi, mi sono imbattuto questo ottimo articolo della Professoressa Zeynep Tufekci pubblicato dal quotidiano “The Atlantic”. Nel suo articolo, la professoressa Tufekci evidenzia le “anomalie” della presidenza Trump (nel contesto americano): il suo atteggiamento esagerato da star televisiva, l'uso compulsivo dei social network e le promesse sempre più eclatanti, mai realizzate. Inoltre, non dimentichiamo, idee ben più pericolose, come il suo pesante abuso di prerogative presidenziali, insieme alla diffusione di un'idea di Stato basata sul concetto di "Democrazia Herrenvolk", o meglio sulla sua caratterizzazione etnico-religiosa (in questo caso, WASP), che dovrebbe avere “priorità” sulle minoranze, soprattutto in materia di accesso allo stato sociale e, a sua volta, alle istituzioni.

Nell'articolo si fa poi un confronto con altri leader che la professoressa considera in qualche modo simili a Trump: Bolsonaro in Brasile, Putin in Russia, Orbán in Ungheria ed Erdogan in Turchia. L'avvertimento che viene lanciato attraverso questa breve analisi comparativa è che un futuro politico, più capace, senza gli eccessi grotteschi di Trump, potrebbe essere in grado di riprendere la sua eredità ma senza discredito, portando avanti politiche identiche ma con una "figura pubblica" più istituzionale.

Ed è a questo punto che la questione mi trova al contempo in accordo e in disaccordo.

Mi spiego meglio: il monito che lancia la professoressa Tufekci è sacrosanto, poiché uno dei problemi principali del “fenomeno Trump” sta nell'identificazione con la persona piuttosto che con un progetto politico. Chi lo sostiene, si identifica con lui, e il silenzio (o, peggio, l'appoggio) col quale in questi giorni molti leader repubblicani hanno risposto al suo delirio narcisistico è eloquente, e ci mostra come essi non sappiano come fare per tornare indietro, una volta sostenuto tutti gli abusi commessi in questi anni, e soprattutto come comportarsi con il proprio elettorato, che d'ora in poi difficilmente accetterà qualcuno più “moderato”.

Inoltre, questo non è solo un problema di una parte politica: Biden dovrà, per i prossimi quattro anni, confrontarsi con oltre 70 milioni di elettori che lo considerano un presidente nel migliore dei casi detestabile e abusivo nel peggiore. Nel momento in cui scrivo, Trump non gli ha ancora concesso la vittoria, nonostante i suoi legali vengano rifiutati in tutte le Corti a cui fanno appello.

Ciò comporta due cose: primo ci mette di fronte alla "personalizzazione" che questa campagna elettorale ha avuto (Posso solo votare per Lui vs voterei per tutti tranne Lui), e il fatto che l'ex presidente abbia deciso (lui o chi per lui) di lanciare il suo ultimo "colpo di coda" avvelenato, creando un clima di delegittimazione istituzionale molto pericoloso. Questi due fattori, insieme, sono le chiavi che aprono le porte alla Democrazia Illiberale.

Dov'è il mio disaccordo, allora?

È nei modelli presi ad esempio, che, a mio avviso, sono fortemente decontestualizzati e non riescono a dare un'idea di cosa può accadere all'interno di un sistema democratico. Non prendetelo come una boutade accademica: capire "dove" sta andando il tuo paese può davvero fare la differenza. E non prendetelo nemmeno come una sorta di "previsione", perché sta accadendo proprio ora, mentre state leggendo.

I paesi citati come esempio, più che avere politici intelligenti che vincono le elezioni, hanno tutti in comune un background storicamente antidemocratico. Putin, Bolsonaro, Orban ed Erdogan non sono stati necessariamente “migliori” o più “fortunati” di Trump: sono stati invece in grado di sfruttare quella vena illiberale già presente nella loro società (anche in chi gli si opponeva) per prendere il potere. Ma al contrario, gli Stati Uniti hanno scoperto questa vena di recente, o almeno è diventata evidente quando qualcuno è andato a scavare per estrarla. Con essa, però, è emersa anche un forte movimento di opposizione, che alla fine è riuscito a prevalere.

Purtroppo è mia opinione che i problemi siano appena iniziati.

Ed è qui che torna utile l'esempio dell'Italia: nonostante la completa diversità dei sistemi politici (e la loro "scala"), l'Italia ha avuto e ha (col tempo sempre in misura minore, purtroppo) a suo modo uno spirito democratico, e, sebbene non così forte come negli Stati Uniti, ha resistito per decenni a colpi tremendi, mentre ora è sull'orlo del collasso. Gli Stati Uniti stanno vivendo un fenomeno simile a quello che, per circa vent'anni, attanaglia il mio Paese. Sì, sto parlando di Silvio Berlusconi e della sua eredità. Forse avete sentito parlare di lui (solo in confronto a Trump) o forse no.

In tal caso, un piccolo riassunto può essere utile per capire meglio perché ora ci troviamo in questa situazione. Berlusconi è salito al potere con slogan che oggi si chiamerebbero “anti-enstablishment”: ha rappresentato l'outsider che sfidava un sistema politico sclerotico travolto da scandali di corruzione. Per vent'anni è stato, nel bene e nel male, il protagonista indiscusso della nostra politica nazionale, che fosse al potere o meno. Non diversamente da Trump, trattava la “Cosa Pubblica” come sua proprietà, appariva come uno showman, un istrionico intrattenitore televisivo, un testimonial che doveva vendere un prodotto, che altro non era che il suo Partito. Non ha mai nascosto le sue simpatie verso i regimi illiberali (uno su tutti Vladimir Putin, ma anche Muhammar Gheddafi) e la sua acquiescenza nei confronti dell'estrema destra, di qualsiasi tipo, e lui stesso ha sempre governato ai margini del contesto istituzionale, spingendo i poteri dello Stato a scontrarsi tra loro per interessi personali.

Da parte sua l'opposizione si è limitata a dire ai suoi elettori “non siamo Berlusconi” e poco altro. Vivendo di rendita e riuscendo solo a riunire coalizioni e governi raccogliticci e litigiosi, senza una visione diversa da quella di mandare via l'Uomo Nero e ripristinare il “prestigio nazionale”. Sarà proprio in quegli anni che inizierà a manifestarsi un sentimento sempre più illiberale anche nel campo opposto: tutto era lecito per colpire Lui.

Per due decenni il Paese è stato nettamente diviso in due, e tutta l'attenzione era concentrata sulla figura di Berlusconi.

Quando, alla fine del 2011, è stato costretto a rassegnare le dimissioni per aver portato il Paese sull'orlo della bancarotta nel contesto della Crisi del Debito Europeo, tutti (me compreso) pensavamo che fosse davvero finita. Ci sbagliavamo. Le drastiche misure necessarie per arginare i problemi economici che egli stesso aveva creato negli anni gli hanno permesso di tornare alla ribalta un'ultima volta: le teorie del complotto sulle "interferenze straniere" o un "Golpe Bianco" orchestrate per farlo dimettersi sono diventate parte del dibattito mainstream (in effetti lo erano già, ma non in modo così marcato) e grazie alla promessa di riportare tutto come prima (cioè Make Italy Great Again) era ad un passo dal vincere nuovamente le elezioni. Nei fatti né Berlusconi né il suo partito riuscirono a riguadagnare il ruolo egemonico del passato, ma il clima di continuo confronto è rimasto, come un cancro si era metastatizzato nella società italiana.

Ma il peggio doveva ancora venire.

Nei fatti, Berlusconi era fuori dal gioco politico, ma è stato rapidamente sostituito da eredi molto più aggressivi e antidemocratici. La personalizzazione della politica e la delegittimazione di qualsiasi istituzione avevano aperto le porte a soggetti senza scrupoli, pronti a tutto per entrare nel vuoto del potere. Molto più virulenti e demagogici del loro degno predecessore, ci sono voluti poco più di 5 anni per conquistare l'intero Paese, grazie all'ausilio delle nuove tecnologie e di un "marketing" più virale, basato su fake news (buone, vecchie, bugie) e teorie cospirazioniste.

Anche i media più tradizionali, come giornali e televisioni, non hanno fatto altro che continuare con lo stesso comportamento di prima, ma con nuovi soggetti che rappresentavano la "novità del giorno", contribuendo con la loro stupida "equanimità" a mettere sullo stesso piano dibattito di livello. e sciocchezze cospirazioniste, quando non lasciavano direttamente questi soggetti liberi di parlare a briglia sciolta, senza alcun contraddittorio.

Ad oggi hanno la maggioranza in parlamento e nel Paese, mentre l'opposizione democratica è ridotta a un barlume.

Ora gli Stati Uniti stanno affrontando un problema simile: un Presidente patologicamente narcisista, dopo aver perso le elezioni regolari, ha deciso di avvelenare i pozzi sostenendo che ci sono state brogli elettorali. Ora 70 milioni di suoi sostenitori sono più o meno convinti che il Sistema sia truccato, entrando in empatia con un personaggio che si presenta come vittima di un mondo ingiusto, proprio come loro. Una miscela esplosiva, di cui, osservando ogni giorno ciò che mi circonda, posso già anticipare i risultati.

In una Democrazia, la Società crea le Istituzioni, in una Dittatura, le Istituzioni creano la Società. In una Democrazia Illiberale, la Società è vista come divisa in "Noi e Loro" e le Istituzioni sono utilizzate per aumentare il livello di confronto, necessario per rafforzare le parti coinvolte ei rispettivi elettori. Siate consapevoli che la vera guerra inizia adesso: se gli americani (non solo il presidente, o i politici) non riusciranno a troncare il clima di perenne confronto e delegittimazione, insieme alla personalizzazione della politica, non si troveranno con un altro Trump “più istituzionale", ma con 70 milioni di Trump, narcisisti, bulli e inclini al vittimismo, ed a quel punto diventerà difficile sperare semplicemente che se ne andranno.

In conclusione, la domanda non è se il GOP si stia organizzando o meno per schierare il prossimo Trump, e chi potrebbe essere, la domanda è se possono o meno fare altrimenti. L'altra domanda è cosa si può fare ora per evitare che la stessa situazione si ripeta, e questo è un problema per tutta la società civile americana. Se l'unico scopo di queste elezioni era battere Trump, allora tra quattro anni ne vedremo un altro, e poi un altro, finché il fenomeno non contagerà tutta la politica in un gioco in cui gli elettori diventano semplici "sostenitori" e la competizione democratica non avrà altro scopo della vittoria stessa.

Parafrasando Giorgio Gaber, famoso cantautore italiano: "Non abbiate paura di Trump in se stesso, ma abbiate paura del Trump in voi stessi".

Spero abbiate trovato interessanti queste poche righe, e che vi abbiano fatto capire cosa intendo (ci vorrebbero i libri, ma al momento ci mancano). Un sentito ringraziamento anche a tutti coloro che hanno seguito e commentato con me durante i giorni delle elezioni, e alla professoressa Tufekci per l'ispirazione.

Rimanete vigili. Insieme.

La Tragedia del Nagorno-Karabakh - Il Giardino Nero del Caucaso

“Guerra e pace non sono compartimenti separati. La pace dipende dalle minacce e dalla forza; spesso la pace è la cristallizzazione della forza del passato."

(Geoffrey Blainey, Le cause della guerra, 1973)

Vi do il benvenuto ancora una volta,

In questa parte ci occuperemo di quella che viene propriamente chiamata la guerra del Nagorno-Karabakh, anche se come abbiamo visto, a questo punto gli scontri tra Armenia e Azerbaigian si protraevano con più o meno intensità da circa 70 anni. Tuttavia, lo scioglimento dell'Unione Sovietica aprirà un nuovo capitolo all'interno dello scenario caucasico, differenziando questo scontro da quelli avvenuti in precedenza nell'area.

In primo luogo, l'assenza del "gendarme" sovietico ha innescato la corsa agli armamenti nella regione. Da questo punto di vista l'Azerbaigian si trovava in una posizione vantaggiosa, poiché, nei programmi difensivi dell'Unione Sovietica, lì si sarebbe concentrata la resistenza ad un possibile attacco della Turchia (membro della NATO), mentre l'Armenia era destinata ad essere un “Zona di combattimento”: quindi le forze militari azerbaigiane erano più numerose, preparate e supportate dall'aviazione. Oltre a questo, le divisioni inviate nel Caucaso dal MVD (МВД, Министерство внутренних дел - il Ministero degli affari interni) erano composte da poveri coscritti provenienti da altre regioni dell'Unione Sovietica, che inaugurarono rapidamente un mercato nero di tutte le attrezzature in loro possesso, per poter lasciare il Caucaso. Le armi sono arrivate anche in grandi quantità dall'estero: Turchia, Israele, Paesi Arabi e da membri e organizzazioni della Diaspora Armena, soprattutto quelle presenti negli Stati Uniti.

Cominciarono a ingrossarsi anche le fila dei due eserciti, in seguito all'Operazione "Anello", volontari e mercenari si schierarono su l'uno e l'altro fronte: in Armenia, oltre alla coscrizione obbligatoria, c'erano molti volontari che, ispirati dai guerriglieri della guerra armeno-azera di inizio secolo, formarono squadre autonome chiamate jokats, anche se a differenza dei fedayi questi uomini erano per lo più interessati al saccheggio e al profitto che potevano ricavare rivendendo ciò che rubavano al mercato nero. Anche molte donne si unirono all'esercito del Nagorno Karabakh, sia come combattenti che come ausiliarie. Anatoly Zinevich, un ex generale sovietico, rimane nella regione e ha prestato servizio per cinque anni dalla parte armena, diventando il capo di stato maggiore delle forze armate della Repubblica dell'Artsakh.

Come accennato in precedenza, l'esercito azero era leggermente meglio organizzato, con 30.000 regolari oltre a circa 10.000 paramilitari delle milizie OMON e diverse centinaia di volontari del Fronte popolare. A loro si unirono i gruppi Pan-Turchi ed ultranazionalisti dei Lupi Grigi, comandati da Isgandar Hamidov, e molti mercenari pagati con le entrate che l'Azerbaigian otteneva dallo sfruttamento dei suoi giacimenti di gas nel Mar Caspio. L'esercito azero era assistito anche dal comandante afghano Gulbuddin Hekmatyar, all'epoca leader dei Mujahideen e futuro Primo Ministro del suo Paese.

Il 31 dicembre 1991, con lo scioglimento ufficiale dell'URRS, nulla poteva impedire ad Armenia e Azerbaigian di impegnarsi in una guerra su vasta scala.

Saranno le truppe azere ad aprire le ostilità, dopo che il loro governo tentò di annullare l'autonomia del Nagorno-Karabakh nel novembre 1991, ottenendo in risposta un referendum dalle autorità locali in cui la popolazione armena votò a stragrande maggioranza per l'indipendenza (poi ufficialmente dichiarata il 6 Gennaio 1992). Proprio nell'inverno 1991-92 l'esercito assediò Stepanakert, capitale del Nagorno-Karabakh, iniziando a bombardarla con artiglieria e aviazione per diversi mesi, colpendo indiscriminatamente obiettivi militari e civili, come ospedali e abitazioni. , anche nelle zone limitrofe alla città. In alcuni giorni sui cittadini armeni sono piovuti fino a 400 missili GRAD.

"Chiunque poteva semplicemente alzarsi con i postumi di una sbornia, dopo aver bevuto la sera prima, sedersi dietro il Grad e sparare, sparare, sparare a Stepanakert senza scopo, senza coordinate."

 Soldato azero Aiaz Kerimov, come riportato nel libro "Black Garden: Armenia and Azerbaijan Through Peace and War" di Thomas De Waal, NYU Press, 2003

La neonata Repubblica d'Armenia iniziò a sentire la stretta mortale attorno al suo territorio, nonostante fosse entrata a far parte della Comunità di Stati Indipendenti creata dopo lo scioglimento dell'URSS, era ancora in balia dell'embargo operato dall'Azerbaigian e temeva che dall'Occidente prima o poi sarebbe arrivato l'attacco della Turchia, che sosteneva apertamente la causa azera.

Il contrattacco delle forze armene si concentrò sull'unica striscia di terra che collegava la regione al Karabakh, il “corridoio di Lachin”, e che poteva essere raggiunta solo con gli elicotteri. La città azera di Khojaly è stata prima presa di mira: in primo luogo era una delle postazioni di artiglieria da cui veniva bombardata quotidianamente Stepanaket, e in secondo luogo aveva l'unico aeroporto della regione. Il 26 febbraio, assistita da un contingente della CSI, l'esercito armeno prese d'assalto la città, conquistandola e allo stesso tempo attaccando la popolazione civile etnia azera in fuga, uccidendo almeno 161 persone (episodio che divenne noto come il “Massacro di Khojaly “).

Il sentore della guerra imminente aveva portato gran parte della popolazione azera a rifugiarsi nella città fortezza di Shusha: da lì, l'esercito azero organizzava attacchi ai villaggi armeni circostanti e preparava il terreno per un'offensiva più pesante su Stepanakert, la cui popolazione viveva ora nei bunker e nei sotterranei della città. La resistenza delle milizie armene attorno a Shusha impedì agli azeri di organizzare un'offensiva: al contrario, i capi militari del Nagorno-Karabakh approfittarono della situazione per attaccare l'ultimo avamposto azero nella regione.

L'8 maggio 1992, l'Esercito Armeno tentò un assalto alla città e, nonostante fosse in inferiorità numerica e senza armi rispetto alle forze azerbaigiane, la maggiore preparazione militare permise loro di prendere la città il 9, dopo una giornata di sanguinosi combattimenti in strada, costringendo i loro nemici a ritirarsi e ad abbandonare la città.

Una piccola parentesi: come abbiamo detto, le forze armate azere erano più grandi e meglio equipaggiate, ma, a causa della forte discriminazione all'interno dell'esercito sovietico, non avevano mai combattuto una vera guerra; l'esercito armeno del Karabakh, invece, era composto per oltre la metà da veterani della terribile Guerra Sovietico-Afgana. Gli unici soldati professionisti su cui l'Azerbaigian poteva contare erano i miliziani ceceni comandati da Shamil Basayev, addestrati dai russi a combattere in Abkhazia contro la Georgia, i quali ricorderanno quella come la loro "unica sconfitta" e inizieranno presto ad abbandonare i combattimenti che nella loro visione avevano una connotazione “troppo nazionalista e poco religiosa”.

La cattura di Shusha costrinse il presidente azero Mutalibov alle dimissioni (giusto il tempo per trovare un capro espiatorio per il fallimento ed essere reintegrato il 15 maggio), e peggiorò i rapporti della Repubblica Armena con la Turchia, leggermente migliorati nel periodo successivo all'indipendenza dal Unione Sovietica. Sebbene l'allora Primo Ministro turco Suleyman Demirel si fosse detto favorevole ad un intervento a favore dell'Azerbaigian, ciò non avvenne mai a causa delle tensioni ancora presenti tra NATO e CSI: esponenti di spicco delle forze armate ex sovietiche affermarono chiaramente che l'intervento di un paese NATO nel Caucaso avrebbe portato tutti "sull'orlo della Terza Guerra Mondiale" (curiosamente, la stessa situazione si ripresenterà con la guerra civile in Jugoslavia, ma in quel momento le minacce dell'ex Blocco Orientale potevano apparire molto più concrete rispetto a pochi anni dopo).

Il 18 maggio l'Esercito Armeno prese la città di Lachin, raggiungendo così l'obiettivo che si era prefissato: ottenere un corridoio sicuro per ricollegare la Repubblica di Armenia con il Karabakh. Ciò pose fine al regime di Mutalibov, che fu rovesciato da un colpo di stato organizzato dai membri del Fronte Popolare, che elessero il proprio Presidente, Abulfaz Elchibey, e presero il controllo del parlamento, al fine di prendere le distanze dalla Russia e avvicinarsi alla Turchia.

Con la cessazione dei conflitti interni, l'esercito azero organizzò il proprio contrattacco: l'operazione “Goranboy” (dal nome di una regione nel nord del Karabakh) avrebbe dovuto rappresentare, nella mente dei suoi creatori, l'offensiva che avrebbe sancito la vittoria finale sugli armeni. Il 12 giugno 1992, l'Azerbaigian lanciò un'offensiva su larga scala in direzione della regione di Askeran, nel centro del Nagorno-Karabakh, riuscendo a prendere il controllo di diversi importanti insediamenti, per poi marciare verso la regione di Goranboy, difesa da pochi distaccamenti delle milizie armene, che resistettero fino al 4 luglio 1992, quando gli azeri presero Mardakert, la città principale della regione.

Le forze armene poterono solo ritirarsi a sud verso Stepanakert, insieme a 30.000 civili armeni. Il 18 giugno venne dichiarato lo stato di emergenza in tutta la Repubblica del Nagorno-Karabakh, una chiamata alle armi di tutti coloro che erano in grado di combattere, riuniti insieme alle varie milizie in un'unica struttura, l'Esercito di Difesa della Repubblica del Nagorno-Karabakh.

L'offensiva dell'esercito azerbaigiano venne fermata dall'Aviazione Russa, che, viste le tendenze filo-turche del governo azero, decise di schierarsi, anche se non lo ha mai ufficialmente dichiarato, dalla parte armena, fornendo armi in aggiunta al supporto delle divisioni aviotrasportate. Ciò diede all'Armata armena il tempo di riorganizzarsi e lanciare una controffensiva contro gli azeri, il cui "blitzkrieg" si era esaurito ed i cui soldati erano esausti: il loro generale, Suret Huseynov, preferì abbandonare le posizioni più precarie e ritirarsi a Ganja , consentendo all'Edercito di Difesa della RNK di invertire la situazione riconquistando il terreno perduto, iniziando a riprendersi i territori a partire dal febbraio-marzo 1993.

Carri armati azeri abbandonati nel Nagorno-Karabakh, foto di Nicholas Babaian

In mezzo a tutto questo, ci furono diversi tentativi di mediare una sorta di pace: il primo fu il presidente iraniano Akbar Hashemi Rafsnjani, che convinse le due parti a firmare un accordo noto come "Comunicato di Teheran", il 7 maggio 1992: inutile a dirsi, la cattura di Shusha e l'ovvensiva su Lachin mandarono a monte l'intera faccenda in meno di due settimane. La CSCE (l'organizzazione che sarebbe poi diventata l'OSCE) tentò a sua volta di portare la NATO e la CSI a un tavolo, con l'idea di creare una forza di mantenimento della pace che includesse entrambi e che potesse intervenire come “Peace Force” anche in Moldavia, Cecenia, Ossezia, Abkhazia e soprattutto nella Guerra Civile Jugoslava. Naturalmente, niente di tutto questo è stato realizzato, in particolare a causa della forte opposizione della Russia, che vedeva l'intrusione dei Paesi Europei come un tentativo della NATO di entrare negli affari del paese attraverso la "porta sul retro".

Nonostante l'allentamento delle ostilità durante l'inverno 1992-93, le perdite materiali e l'embargo causarono grandi sofferenze alla popolazione armena, sia quella della Repubblica che quella del Nagorno-Karabakh: l'economia stava crollando e l'unico gasdotto ridusse le attività al minimo a causa dei rinnovati scontri in Georgia contro i separatisti Osseti e Abkhazi. Molte famiglie finirono persino senza l'acqua calda. Il Paese venne aiutato dalle organizzazioni della Diaspora Armena, dall'Unione Europea e dall'Iran, quest'ultimo inimicandosi definitivamente l'Azerbaigian. Quest'ultimo non stava certo andando meglio: pieno di profughi interni ed esterni che vivevano in condizioni disperate, e anch'esso con un'economia al collasso, a causa del fallimento nel tentativo di rilanciare la propria industria petrolifera, visto che nessuna azienda aveva intenzione di investire in un paese in costante conflitto.

"Nessuna guerra è involontaria o" accidentale ". Ciò che spesso non è intenzionale è la durata e la sanguinosità della guerra ". (Geoffrey Blainey, Le cause della guerra, 1973)

Le sofferenze invernali, però, non sembrarono poter placare gli animi delle parti coinvolte: nonostante i tentativi effettuati dal presidente russo Boris Eltsin e dal presidente americano George H. W. Bush, le ostilità nella regione ripresero a crescere. La stessa Russia, che da una parte cercava di mediare la pace, dall'altra finanziò l'esercito armeno con armamenti per un miliardo di dollari, cosa che permise loro di occupare nuovamente i villaggi del Karabakh persi l'anno prima e ancora nelle mani degli azeri, che, da parte loro, stavano vivendo un momento politico travagliato: i militari insistevano perché anche l'Azerbaigian chiedesse sostegno alla Russia, ma il presidente Elchibey era inamovibile ed i generali azeri furono rimossi dal loro incarico.

Per proteggere il confine settentrionale del Karabakh e impedirne l'utilizzo per l'installazione di postazioni di artiglieria, tra il 2 e il 3 aprile l'esercito armeno attaccò la vicina regione di Kalbajar, per lo più azero-curda, spazzando via le poche e male armate truppe in sua difesa e prendere possesso della regione, nonché di numerosi veicoli blindati in uso dall'esercito azero. La conquista di Kalbajar è stata contrassegnata da violenze indiscriminate, uccisioni e esodo di massa di civili dall'area. Il presidente Elchibey non potè fare altron che dichiarare lo stato di emergenza e ordinare la coscrizione universale, ma il 18 luglio venne rovesciato da un colpo di stato ordito dal generale Huseynov, che il 1° Luglio venne nominato Primo Ministro, mentre la carica di Presidente passò al deputato Heydar Aliyev.

Profughi azeri del Kalbajar, foto di Ilgar Jafarov, 1993

Ovviamente gli armeni approfittarono del caos politico all'interno della Repubblica dell'Azerbaigian per lanciare una serie di offensive durante l'estate del 1993: il fronte del Karabakh era scoperto ed indifeso, e per l'Esercito Armeno non fù difficile avanzare rapidamente nella regione. mentre l'Esercito Azero si ritirava senza nemmeno combattere. Alla fine di Giugno, gli azeri furono cacciati da Mardakert, perdendo così il loro ultimo insediamento nella regione. Dato il momento propizio, gli armeni decisero di proseguire l'avanzata nella regione di Agdam, appena fuori il Nagorno-Karabakh, con l'intenzione di farne una “zona barriera” che proteggesse le loro città dal fuoco dell'artiglieria azera. Quando il 4 luglio sono iniziati i bombardamenti, civili e militari hanno iniziato a evacuare Agadam e il Presidente Aliyev, di fronte al collasso politico e militare, decise di rivolgersi alla comunità internazionale per chiedere aiuto, mentre gli armeni stavano preparando l'offensiva contro le regioni a sud del Karabakh, del Fizuli e del Jebrail.

l primo ministro turco, Tansu Çiller, cercò di minacciare gli armeni, chiedendo l'immediato ritiro delle truppe dai territori dell'Azerbaigian e inviando l'esercito al confine con la Repubblica di Armenia. Il suo piano prevedeva che, con la vittoria dei golpisti durante la Crisi Costituzionale Russa del 1993, le truppe schierate al confine con l'Armenia sarebbero state ritirate: in particolare, sembra che avesse stretto un accordo con uno dei leader della rivolta contro Eltsin, Ruslan. Khasbulatov, il quale, una volta conquistato il potere, avrebbe permesso alle forze turche di compiere raid in Armenia e nel nord dell'Iraq, con il pretesto di perseguire i guerriglieri Curdi del PKK. Ma il colpo di stato fallì e l'esercito turco non si mosse, temendo lo scontro con i 20mila soldati russi di stanza al confine armeno.

All'inizio di settembre, le forze militari azere erano allo sbando, abbandonando sul campo armi e mezzi militari che andavano a rafforzare la controparte. Il presidente Aliyev era così disperato che decise di reclutare tra 1000 e 1500 mujahadeen afgani ed arabi, mentre le grandi compagnie petrolifere straniere, come la MEGA-OIL, richiesero il supporto di contingenti armati dell'Esercito Americano come clausola per continuare il loro lavoro nei giacimenti petroliferi azeri.

Ad ottobre Aliyev, ora formalmente eletto Presidente della Repubblica dell'Azerbaigian, si adoperò per ristabilire l'ordine e organizzare la controffensiva, riuscendo a ottenere alcuni piccoli successi: nel Gennaio 1994, l'esercito azero, con l'aiuto dei guerriglieri afghani, si riprese alcune delle regioni limitrofe del Karabakh, ma l'offensiva si estinse rapidamente di fronte all'intervento dell'esercito armeno. Inoltre, ebbe un costo enorme in termini di vite umane: ragazzi dai sedici anni in su, senza alcuna formazione, vennero reclutati per attacchi di "ondate umane" del tutto inefficaci. Le piccole vittorie della campagna invernale costarono la vita a 5.000 soldati azerbaigiani. Allo stesso modo, il tentativo di riconquistare il distretto di Kalbajar si rivelò un disastro: il successo iniziale si trasformò in una carneficina, con le divisioni azere isolate e circondate dagli armeni, che uccisero più di 1.500 persone in un solo combattimento. Da quel momento in poi, le forze azerbaigiane persero ogni desiderio di combattere di nuovo.

Nel suo libro del 1997, Sulle rovine dell'Impero, Il professore russo Georgiy I. Mirsky cercò di spiegare la mancanza di scopo e impegno nel combattere la guerra da parte della popolazione dell'Azerbaigian, affermando che "Il Karabakh non è importante per gli azeri quanto per gli armeni. Probabilmente, questo è il motivo per cui i giovani volontari dell'Armenia sono stati molto più desiderosi di combattere e morire per il Karabakh di quanto lo siano stati gli azeri" ed anche il fisico e premio Nobel Andrej Sakarov ha osservato che "Per l'Azerbaigian, la questione del Karabakh è una questione di ambizione, per gli armeni del Karabakh, è una questione di vita o di morte".

E così, dopo sei anni di guerra, entrambe le parti hanno concordato un cessate il fuoco. L'Azerbaigian in particolare, a corto di uomini e consapevole che gli armeni avevano la strada spianata per marciare direttamente su Baku, chiese l'intervento dell'OSCE o della Russia (essendo entrati anche loro nella CSI) per mediare un accordo. Il 5 maggio 1994, con la Russia nel ruolo di mediatore, le parti hanno concordato una tregua da attivare a partire dalla mezzanotte del 12 dello stesso mese, firmata dai rispettivi ministri della difesa delle tre principali parti in conflitto: Armenia, Azerbaijan e Repubblica dell'Artsakh.

I confini definitivi del conflitto dopo che il cessate il fuoco del 1994 fù firmato. Le forze armene del Nagorno-Karabakh controllano attualmente quasi il 9% del territorio dell'Azerbaigian fuori dall'ex Oblast Autonomo del Nagorno-Karabakh, mentre le forze azere controllano Shahumyan e le parti orientali di Martakert e Martuni.

Purtroppo, come altre volte, anche questa è stata solo una fine “apparente” del conflitto, che di fatto è rimasto come una delle tante situazioni ad alta tensione “congelate” nei paesi dell'ex Unione Sovietica, e nel Caucaso in particolare. Oltre all'enorme costo in vite umane, e con un numero di rifugiati di circa un milione di persone, la guerra (questa in particolare, ma può essere valido in generale) ha alimentato un odio irrazionale e radicato tra le parti opposte, che si è manifestato in sporadici scontri successivi, ma soprattutto nell'odio interetnico ancora fortemente riscontrabile sia in Armenia che in Azerbaigian.

Ma di questo parleremo meglio nell'ultima parte, quella che ci porterà ai giorni nostri e ai motivi che hanno, ancora una volta, riacceso il conflitto nella regione.

Grazie per aver letto questo scritto e, sperando che al di là della storia di una guerra vi abbia anche fatto riflettere, vi saluto e vi do appuntamento lala prossima volta. Come al solito, se avete domande, non avete che da scrivermi.

La Tragedia del Nagorno-Karabakh - La fine della "Pax Sovietica"

E tu, Vendetta, ancor che dolce in pria,

Come presto ti cangi, e il tosco amaro In te stessa rivolgi!

(John Milton, Paradiso Perduto – 1667; 1674, Libro IX, linee 171-172)

Emblema della RSFST 1930-1936. L'unica differenza rispetto alla versione 1924-1930 è che il testo azero è in caratteri latini.

Bentornati a questo excursus attraverso la storia del Nagorno-Karabakh e, più in generale, dei paesi dell'area Caucasica.

Ma prima di iniziare devo ammettere un errore: era mia intenzione iniziale dividere la storia in tre parti, ma, mentre scrivevo, mi sono reso conto che questo è impossibile, quindi ne verrà aggiunto una quarta: se l'obiettivo di questi articoli è la comprensione, non mi sento di tralasciare alcuni episodii solo per una sintesi, altrimenti sarà impossibile per voi che mi leggete capire come sono andate le cose e quanto sono profonde le radici degli eventi moderni. In qualità di storico, è mio compito assicurarmi che la storia sia semplice da capire, ma non semplificata.

Detto questo, possiamo procedere.

La scorsa settimana ci siamo lasciati in un momento storico ben preciso: la fine delle ostilità tra Turchia e Unione Sovietica, con il Trattato di Kars del 1921, mentre l'XI Armata Rossa occupava senza troppi problemi Azerbaijan, Armenia e Georgia.

Il 12 marzo dell'anno successivo, su proposta di Vladimir Lenin, le nuove Repubbliche Sovietiche proclamate nei tre stati furono riunite nell'Unione Federativa delle Repubbliche Socialiste Sovietiche della Transcaucasia, che il 13 dicembre dello stesso anno divenne un unico stato federale, la Repubblica Sovietica Federativa Socialista Transcaucasica. Il Congresso Pan-caucasico del Soviet, il cui scopo arebbe dovuto essere quella di mantenere l'autonomia formale per le tre repubbliche, adottò una costituzione comune, nominò il Comitato Esecutivo Centrale (il più alto organo legislativo) e il Consiglio dei Commissari del Popolo (che esercitava il potere esecutivo, ed era quindi il governo). Mamia Orakhelashvili, uno dei leader dei bolscevichi, di origine georgiana, divenne il primo presidente della TSFRS, la cui capitale venne stabilita a Tbilisi.

Nel 1936, la SFRS Transcaucasica venne nuovamente divisa in tre repubbliche autonome (Azerbaijan, Armenia e Georgia), con la formazione di diversi Oblast (Regioni) autonomi: Adijeian, Karachai-Cerkess, Ossezia del Sud (in territorio georgiano), Nakhichevan (sotto protettorato dell'Azerbaigian) ed il Nagorno-Karabakh (nel territorio della SSR dell'Azerbaigian).

Il Caucaso Sovietico, dal 1957 al 1991

Fu il Commissariato del Popolo per le Nazionalità, o Narkomnaz (dal russo Народный комиссариат по делам национальностей, Нар.ком.нац.) presieduto (tra gli altri) da Josif Stalin, che si occupò del problema della pacificazione nel Caucaso. Le ipotesi sulla concezione di una tale struttura amministrativa variano: alcuni studiosi ritengono che i sovietici abbiano giocato, come nell'episodio del Soviet di Baku, al “Divide and Impera” (antica espressione latina che significa “Dividi e Comanda”), mettendo i gruppi etnici uno contro l'altro, in modo che non combattessero contro i sovietici: il Nagorno-Karaback, in particolare, fu posto sotto il controllo della SSR dell'Azerbaigian, pur mantenendo il 94% della popolazione armena. Lo stesso si può dire dell'exclave del Nakhichevan, separata dall'Azerbaigian da un “corridoio” di territorio Armeno.

È una spiegazione plausibile e coerente, tenendo conto anche del precedente storico del Soviet di Baku, che, come abbiamo visto l'ultima volta, fu parte attiva a nome dei sovietici, nel fomentare la prima guerra Armeno-Azerrbaijana. Ma ce ne sarebbe un'altra: l'idea che Stalin, successivamente a capo dell'Unione Sovietica, aveva del rapporto tra Identità Nazionali e Identità Comunista Sovietica. Ho già accennato a questa questione e mi scuso di averla posticipata ogni volta, ma è un tema complesso che ha interessato l'intera URSS e che merita di essere trattato separatamente, con maggior considerazione.

Nonostante il desiderio di unificazione tra Armenia e Karabakh rimase in discussione per tutto il periodo sovietico, il controllo esercitato dalla Superpotenza del Blocco Orientale mantenne la situazione sostanzialmente stabile, principalmente attraverso l'utilizzo della propria forza militare. Sarà con l'avvento al potere di Mikhail Gorbachev e con l'attuazione della politica della "glasnost" (apertura o trasparenza) che la questione del Nagorno-Karabakh si farà sentire con forza di nuovo: gli Armeni del Karabakh, ora liberi di esprimere un certo livello di dissenso, iniziarono a chiedere il ricongiungimento con la RSS Armena, accusando il governo locale di tentare di “azerificare” culturalmente la regione, trovando sostegno sia in Russia che nella comunità internazionale.

Nonostante i tentativi di mediazione di Gorbaciov, e purtroppo per gli Armeni, la Costituzione Sovietica conteneva una sorta di "Comma 22", che relegava la situazione a un perenne stallo: mentre l'Articolo 70 della cosiddetta "Costituzione di Brezhnev" del 1977 affermava che "l'URSS è uno Stato unito, federale, multinazionale, formato sul principio del federalismo socialista" ed anche che "l'URSS è il risultato della libera autodeterminazione delle nazioni e dell'associazione volontaria di Repubbliche Socialiste Sovietiche eguali" e l'Articolo 72 ribadiva che "ogni repubblica conserverà il diritto di secedere liberamente dall'URSS“, l'Articolo 78 al contrario affermava che "Il territorio di una Repubblica Federata non può essere modificato senza il suo consenso. I confini tra le repubbliche federate possono essere modificati di comune accordo tra le repubbliche interessate, previa ratifica da parte dell'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche“.

La questione dell'integrità territoriale dell'Unione Sovietica è stata il grande problema di tutta la sua storia, così grande, che anche dopo il suo scioglimento la Federazione Russa ha dovuto assumersene il carico (si pensi sempre al Caucaso: Georgia, Cecenia, Ossezia) ed ha sempre reagito allo stesso modo: con la violenza. Una possibile spiegazione può essere trovata nella geografia del Paese stesso: se i Paesi del Caucaso avessero cominciato a diventare autonomi, la Russia avrebbe rischiato di perdere la sua “testa di ponte” verso il Medio ed Estremo Oriente e verso il Mar Nero, e con esso è il flusso continuo di risorse, soprattutto materie prime, da e verso l'estero.

Pertanto, la situazione rimase irrisolta. Ma "Dum Romae consulitur, Saguntum expugnatur” (Dal latino: “Mentre Roma discute, Sagunto è Conquistata”): recita un amaro commento che si può trovare nel libro 21o dell'opera “Ab Urbe Condita” dello storico romano Tito Livio.

È un riferimento a chi perde molto tempo in continue consultazioni senza decidere, in un contesto che richiederebbe decisioni rapide. Ed è proprio questo il nostro caso: dal 1985 al 1987 le tensioni tra Armeni e Azeri nel Nagorno-Karabakh continuarono a crescere, mentre il Governo Sovietico si era dimenticato della questione (o meglio, aveva un problema di collasso generale da affrontare, e gli affari della piccola Oblast caucasica non erano certamente in cima alla lista).

Immagini televisive che mostrano automobili bruciate e rivoltosi per le strade della città di Sumgait durante il pogrom del febbraio 1988.

“La pace non può essere mantenuta con la forza. Può essere raggiunto solo attraverso la comprensione. Non puoi soggiogare una nazione con la forza a meno che non annienti ogni uomo, donna e bambino. A meno che non desideri utilizzare misure così drastiche, devi trovare un modo per risolvere le tue controversie senza ricorrere alle armi ".

(A. Einstein, in un discorso alla New History Society, 14 dicembre 1930)

Il 22 febbraio 1988, dopo diversi mesi di piccoli scontri e sfollamenti forzati da entrambe le parti, ci fu la prima vera schermaglia tra azeri e armeni in Karabakh, nella città di Askeran: due giorni prima, due studentesse azerbaigiane denunciarono di essere state violentate da armeni e altri due giovani azeri morirono negli scontri con la polizia.

Ma questo era solo il preludio: durante una manifestazione a Sumgait, a sostegno dei profughi azeri cacciati dai loro villaggi dal Karabakh, la rabbia per la notizia di “omicidi e atrocità” commesse dagli armeni salì al punto da scatenare contro la comunità armena un vero e proprio pogrom, provocando 26 morti. Gli armeni vennero picchiati, violentati, mutilati e uccisi sia per le strade di Sumgait che all'interno dei loro appartamenti durante tre giorni di violenza, senza alcun intervento da parte della polizia, che si placò solo quando le Forze Armate Sovietiche sono entrate in città e hanno sedato gran parte dei disordini il 1 Marzo. Quasi tutta la popolazione armena di Sumgait lasciò la città dopo il pogrom.

Il 23 marzo 1988 il Soviet Supremo respinse per l'ennesima volta la richiesta di annessione del Nagorno-Karabakh all'Armenia, inviando l'esercito a Yerevan per affrontare eventuali proteste. Gli armeni del Karabakh erano ormai convinti che avrebbero subito la stessa sorte di quelli dell'exclave di Nakhichevan, in cui la popolazione armena era passata dal 40% prima dell'assorbimento nell'Unione Sovietica alla totale scomparsa alla fine degli anni '80.

Nessuno sembrava rendersene conto, ma la seconda guerra del Nagorno-Karabakh era iniziata.

Le parti in disputa iniziarono un aspro confronto diplomatico, e nessuna delle due (l'Armenia in particolare) si fidava più della mediazione di Gorbaciov. Gli anni tra il 1988 e il 1990 sono stati caratterizzati dalla crescita esponenziale delle tensioni inter-etniche: oltre agli episodi di violenza da entrambe le parti, basti pensare che, in quel periodo, la paura ha portato ad un massiccio esodo da un paese all'altro, in cui l'Armenia e l'Azerbaigian si “scambiarono” larghe fasce della popolazione. Dalla sola Armenia, nel periodo 88-89, partirono più di 200mila persone, tra Azeri e Curdi di religione musulmana. Questi ultimi, pur non avendo preso parte al conflitto, preferirono lasciare i villaggi dove vivevano perché situati in un territorio “potenzialmente ostile”.

Nel 1990 la situazione peggiorò ulteriormente: l'Armenia impose un embargo alla Nakhichevan ASSR, mentre il neonato Fronte Popolare dell'Azerbaijan prima organizzò sabotaggi sulla rete ferroviaria armena diretta all'Oblast Autonomo del Nagorno-Karabakh, per poi poi tentare una "mossa rischiosa" per staccarsi dall'Unione Sovietica in piena fase di dissoluzione: il "tempismo" sbagliato portò le autorità Sovietiche a dichiarare lo stato di emergenza nella regione (anche per i pogrom scatenati contro la popolazione armena di Sumgait, Kirovabad e Baku) e, in quello venne noto come "Gennaio Nero“, 26.000 soldati dell'Esercito Sovietico posero fine alla rivolta con la forza, sparando sui manifestanti e provocando più di 90 morti.

Vittime del Gennaio Nero nella Strada dei Martiri, a Baku

I Sovietici cercarono inoltre di mantenere segreto questo intervento, distruggendo le linee di comunicazione da e per Baku: nonostante ciò, il giornalista Mizra Kazar e lo staff di Radio Liberty / Radio Free Europe, riuscirono ad inviare un bollettino giornaliero al di fuori della zona occupata.

A quel punto l'esercito armeno e le milizie paramilitari decisero di contrattaccare: diversi exclavi azerbaigiani in territorio armeno, o vicino al suo confine, furono attaccati dalle truppe paramilitari e addirittura bombardati con l'artiglieria durante una serie di incursioni notturne. che durarono da Marzo ad Agosto, finché ancora una volta l'intervento dell'Esercito Sovietico respinse gli aggressori e pose temporaneamente fine alle stragi, con ulteriore violenza.

Il 17 marzo 1991, Mikhail Gorbachev tenne il famoso "Referendum sul futuro dell'Unione Sovietica", noto anche come "Trattato dell'Unione“, il quale doveva decidere se le repubbliche dell'URSS sarebbero dovute restare unite. Con il successo del referendum, la struttura dell'Unione fu modificata, consentendo anche ai leader non comunisti di competere per la presidenza delle repubbliche, portando al potere, ad esempio, Boris Yelstin in Russia e Ayaz Mutalibov in Azerbaijan, mentre Gorbaciov rimase in carica come Presidente dell'Unione Sovietica.

Scheda di votazione per il “Trattato di Unione”, 17 marzo 1991

Gli Armeni boicottarono il referendum (nei fatti si erano dichiarati indipendenti il 23 agosto 1990) mentre gli Azeri votarono a favore. La previsione di nuovi scontri portò ad una corsa agli armamenti nel Nagorno-Karabakh da entrambe le parti, ma questa volta il neoeletto presidente azero Mutalibov decise di sfruttare a proprio vantaggio la situazione post-riorganizzazione: così convinse Gorbaciov ad organizzare un attacco preventivo per disarmare l'Armenia e farla desistere dalla sua proposta di riunificazione con la regione del Karabakh.

Così, il 30 Aprile, le forze armate Sovietiche ed Azere lanciarono l'Operazione "Anello", che risultò nella deportazione di tutti gli abitanti armeni della regione di Shahumyan, un processo cui si unirono violenze indiscriminate, rapimenti, saccheggi, omicidi, stupri e torture. e che costrinse 17.000 persone all'esodo, fino a quando il 4 Luglio Gorbaciov annunciò la fine dell'Operazione, poiché l'area era stata "pacificata". Ovviamente il tutto si rivelò controproducente: da quel momento divenne chiaro nella mente degli Armeni il pensiero che l'unica soluzione per il ricongiungimento con il Karabakh fosse la resistenza armata contro i Sovietici e la guerra contro gli Azerbaijani.

Nel settembre 1991 vi fù un primo tentativo di mediare la pace, promosso dal presidente russo Boris Eltsin e dal presidente kazako Nursultan Nazarbayev: dopo una serie di colloqui, tra il 20 e il 23 settembre il Comunicato di Železnovodsk vene firmato, col quale le parti si impegnarono a rispettare la reciproca integrità territoriale, la sovranità nazionale e il rispetto dei diritti umani. Ma furono solo belle parole su un foglio di carta.

Mentre Yeltsin, Nazarbayev, Mutalibov ed il Presidente Armeno Ter-Petrosian siglavano l'accordo, le forze azere dell'OMON continuavano a bombardare città e villaggi armeni, come Stepanakert e Chapar. Gli Armeni, dal canto loro, non rimasero certo a guardare: alla fine del 1991 fu lanciata un'offensiva in cui le milizie ruppero l'assedio delle aree bombardate, per poi concentrarsi sulla distruzione dei villaggi azeri, considerati postazioni nascoste per l'artiglieria, con un'escalation di violenza e sempre maggiore rancore, che coinvolse numerosi civili che avevano poco a che fare con i bombardamenti effettuati dalle truppe azerbaijane.

Alla fine, quando l'Unione Sovietica implose, il Ministero dell'Interno ordinò il ritiro delle truppe dalla regione, completato tra il 19 e il 27 dicembre 1991. Con la fine della presenza militare Sovietica, la situazione nella regione andò letteralmente fuori controllo.

Finisce quindi qui la seconda parte della nostra storia, la storia di una “pace” solo apparente, garantita dall'ombra pesante dell'Unione Sovietica, che allo stesso tempo ha creato le basi per il conflitto attuale: alimentando un nazionalismo locale nella speranza di un futuro “Nazionalismo Sovietico” ha lasciato campo libero alla violenza, ai pogrom e alle faide reciproche, che oltre ad un alto numero di morti, continuavano a soffiare sulle braci che sarebbero poi divampate nel fuoco della guerra.

Nel prossimo scritto ci occuperemo dello scontro militare scoppiato negli anni successivi al 1991, spero che finora la spiegazione sia stata chiara e stimolante, come al solito, per qualsiasi domanda potete contattarmi.

Grazie a tutti coloro che hanno avuto la pazienza di leggere queste righe.

La Tragedia del Nagorno-Karabakh. Cent'anni di Odio.

"Amistade in quel cor non può giammai,

In cui d'odio mortal fur sì profonde Ferite Impresse."

(John Milton, Paradiso Perduto – 1667; 1674, Libro IV, linea 98)

Bentornati al nostro appuntamento settimanale,

Questa settimana volevo parlarvi di un altro luogo problematico un tempo legato all'URSS, e che recentemente è tornato a far parlare di sé, purtroppo: mi riferisco alla regione dell'Asia centrale conosciuta come Nagorno - Karabakh.

Prima di iniziare, vorrei fare una piccola premessa: ero molto indeciso se affrontare (e come) questo argomento. Se, come vi ho detto parlando della Bielorussia, le questioni riguardanti i paesi dell'ex Unione Sovietica non sono mai così semplici come si vedono dall'esterno, quella del Nagorno-Karabaka è sicuramente una delle più intricate e oscure per gli osservatori stranieri.

Allora perché parlarne? Per gli stessi motivi per cui non volevo farlo: perché è intricato e oscuro, difficile da capire per un osservatore straniero. In fondo è l'obiettivo che mi sono posto quando ho iniziato a scrivere, e intendo mantenerlo: nelle pagine che seguono cercherò di farvi capire una guerra che va avanti da più di cento anni nei recessi remoti delle montagne asiatiche.

Inoltre, questa è una storia che può farci capire meglio come il nazionalismo esasperato contenga in sé i germi dell'odio per sua stessa natura, ed è capace di provocare disastri che non possono essere risolti nemmeno dopo centinaia di anni. Come abbiamo fatto per la Bielorussia, ci riserveremo il diritto di dividere questa complessa storia in più parti: una riguardante il periodo della prima guerra mondiale e della rivoluzione russa, una successiva al crollo dell'Unione Sovietica e infine una che racconterà gli eventi di oggi.

La situazione durante la Prima Guerra Mondiale e prima della Guerra Armeno-Azera

La storia del conflitto ha radici secolari ed inizia nel periodo della dissoluzione dei Grandi Imperi subito dopo la fine della Prima Guerra Mondiale. In quel periodo il crollo dell'Impero Ottomano e la guerra civile all'interno di quello che era l'Impero Russo, porterà alla formazione di diverse repubbliche indipendenti: tra queste, la Prima Repubblica dell'Azerbaigian e la Prima Repubblica Armena, entrambe emerse da un periodo di conflitto ininterrotto (in cui gli armeni subirono un vero e proprio genocidio, pianificato dalle forze dell'Impero Ottomano). Non andremo oltre nel periodo caotico che ha preceduto la Prima Guerra Mondiale, poiché corriamo il rischio di intorbidire le acque, ma non è detto che l'argomento non verrà trattato più ampiamente in futuro.

Come è sempre accaduto in queste situazioni, le nuove repubbliche erano alimentate da un forte sentimento nazionale: il partito azero del Müsavat (uguaglianza / parità) sosteneva posizioni vicine al Pan-turchismo e al Pan-islamismo; in Armenia, invece, la Federazione Rivoluzionaria era riuscita a stabilire il primo governo indipendente dal Medioevo. Nonostante ciò, queste entità erano legate alla Rivoluzione Russa (Rivoluzione di Febbraio) e rappresentate insieme nel Sejm, meglio noto come Commissariato Transcaucasico, di ispirazione socialista ma contrario al bolscevismo e determinato a separarsi dalla nascente Russia sovietica.

Dopo la Rivoluzione d'Ottobre, le truppe dell'Armata Rossa iniziarono a ritirarsi dai vari fronti di guerra per condurre la guerra all'interno del territorio dell'ex Impero Russo: questo ovviamente comprendeva le regioni dell'Asia Centrale. Così, tra il 10 e il 24 febbraio 1918 il Sejm dichiarò l'indipendenza e la nascita della Repubblica Democratica Federativa Transcaucasica e si preparò ad affrontare militarmente le forze bolsceviche. I problemi iniziarono con il Trattato di Brest-Litovsk del 3 marzo 1918, che formalizzò l'uscita della Russia dalla prima guerra mondiale: l'indipendenza, almeno formale, della Federazione Transcaucasica preoccupò i leader sovietici, a causa dei 7 milioni di tonnellate all'anno di petrolio prodotti nella regione, (all'epoca il 15% della produzione mondiale) tanto che si dice che lo stesso Vladimir Lenin affermasse che “la Russia non sopravviverà senza il petrolio di Baku”.

Per impedire l'apertura di un nuovo fronte, i bolscevichi ed i social-rivoluzionari ivi presenti, sotto la guida di Stepan Shahumyan, proclamarono il Soviet di Baku e presero il controllo del Governatorato della regione.

Il Soviet guidato da Shahumyan, per mantenere il controllo di quelle preziose risorse, iniziò a farsi coinvolgere nelle controversie interne della regione, giocando a mettere una fazione contro l'altra, alimentando sospetti e odio: usarono lo “spauracchio” della presenza di un enorme contingente armeno, che aveva combattuto gli ottomani nella regione (e che i russi avrebbero dovuto smobilitare dopo la guerra, cosa che ovviamente non fecero), per spaventare gli azeri, che così si convinserò a rivolgersi ai veterani della Divisione di Cavalleria Nativa del Caucaso (rus. Кавказская туземная конная дивизия) meglio conosciuta come "Divisione Selvaggia" (rus. Дикая дивизия), composta da volontari musulmani per lo più caucasici e anti-bolscevichi, per un eventuale aiuto.

Quando sentimenti nazionalisti così forti sorgono in territori che fino a poco tempo prima si consideravano parte di un'unica entità statale, il disastro è solo una questione di tempo.

E il disastro avvenne nei giorni tra il 30 marzo e il 2 aprile 1918, meglio conosciute come "Giornate di Marzo“, quando bolscevichi, armeni, azeri e membri della Divisione Selvaggia si incontrarono tutti insieme a Baku. Lo storico americano di origini azere Firuz Kazemzadeh, sostiene che, nonostante Shahumyan avesse la possibilità di mediare la situazione, la polveriera è stata lasciata esplodere: non si sa chi sarebbe stato ad aprire le ostilità, ma dopo le tensioni del 30 marzo, il 1 aprile Baku si era trasformata in un Campo di Battaglia.

Le forze armene inizialmente non presero parte al conflitto, ed anzi il Partito Musravat propose loro di sostenere la rivolta dei musulmani contro i sovietici, ma ricevette un rifiuto. Quando poi Shahumyan dichiarò lo stato d'assedio, il Dashnaktsutyun (le forze armate della Federazione Rivoluzionaria Armena, spesso abbreviato in Dashnak) intervennero nel conflitto con brutale ferocia, massacrando indiscriminatamente militari e civili nella città e nei suoi dintorni. Lo stesso leader sovietico era scosso e in una lettera affermò: "La partecipazione di questi ultimi conferì alla guerra civile, in una certa misura, il carattere di un massacro etnico, tuttavia era impossibile evitarlo. Lo stavamo cercando deliberatamente. I poveri musulmani hanno sofferto gravemente, tuttavia ora si stanno radunando attorno ai bolscevichi e al Soviet" “.

Il 3 aprile gli scontri erano cessati, provocando oltre 12.000 morti tra la popolazione musulmana di Baku, costretta inoltre ad un esodo forzato, e 2.500 morti tra armeni e sovietici. Sempre Firuz Kazemzadeh ha affermato: "Le brutalità sono continuate per settimane. Nessuna delle parti ha concesso quartiere all'altra: né l'età né il sesso sono stati rispettati. Enormi folle vagavano per le strade, bruciando case, uccidendo ogni passante identificato come un nemico, molte persone innocenti subirono la morte per mano sia degli armeni che degli azeri. La lotta che era iniziata come una contesa politica tra Musavat e il Soviet assunse il carattere di una gigantesca rivolta razziale“.

Nonostante la violenza si sia concentrata principalmente sulla popolazione musulmana, e in particolare quella azera, questo episodio non ha avuto, a mio avviso, carattere etnico, ma politico: da un lato, il Dashnak è venuto in aiuto dei sovietici solo quando è stato dichiarato lo stato d'assedio, d'altra parte, nella successivamente autoproclamata Comune di Baku (13 aprile 1918) molti socialisti di origine azera ebbero ruoli importanti. Tuttavia, nella psiche azera, la Comune di Baku simboleggiava la collusione bolscevico-armena, nata dal bagno di sangue delle Giornate di Marzo

Ma le "Giornate di Marzo" furono solo l'inizio.

Quella che viene definita la prima guerra Armeno-Azerbaigiana inizia proprio con il massacro di Baku: i leader azeri infatti, dopo quell'episodio, cambiarono radicalmente la loro visione politica: decisero di abbandonare gli ideali della Rivoluzione e di puntare esclusivamente sulla loro indipendenza dalla Russia. Quando la Repubblica Democratica dell'Azerbaijan fu proclamata il 28 maggio 1918, essi si preoccuparono di inviare immediatamente ambasciate a Istanbul con richieste di sostegno per la giovane entità statale da parte dell'Impero Ottomano. Il "triumviro" ottomano Enver Pasha decise di intervenire ed incaricò suo fratello di formare un'unità militare, il Contingente Islamico del Caucaso, per andare in sostegno dell'Azerbaijan.

Nel luglio 1918, l'esercito Azero-Ottomano sconfisse la rattoppata "Armata Rossa di Baku" in diverse battaglie chiave e, sotto la pressione interna dei socialisti rivoluzionari russi, del Dashnak e di agenti britannici infiltratisi nella città (l'impero britannico aveva preso la nazionalizzazione delò petrolio molto male) il potere dei bolscevichi iniziò a crollare. Il 1° Agosto 1918, la Comune di Baku venne rimpiazzata dalla Dittatura Centrocaspica, che dovette rivolgersi per aiuto ad un contingente britannico comandato dal generale Lionel Dunsterville, ma inutilmente: le forze Azero-Ottomane erano troppo numerose e il 15 Settembre entrarono vittoriose a Baku. Furono le terribili "Giornate di Settembre“, durante le quali furono uccisi tra 10.000 e 20.000 armeni come vendetta per quanto accaduto nelle “ Giornate di Marzo”. I Commissari Bolscevichi del governo Trans-caspico furono intercettati mentre cercavano di fuggire e fucilati il ​​20 settembre 1918. Giorni dopo, la capitale della Repubblica dell'Azerbaigian fu spostata da Ganja a Baku.

Tuttavia, dopo l' Armistizio di Mudros del 30 ottobre 1918, che sancì la fine delle ostilità tra il Regno Unito e l'Impero Ottomano, le truppe turche di stanza a Baku furono sostituite da un contingente della Triplice Intesa, sotto il comando degli Inglesi, che assunsero il controllo di Baku imponendovi la legge marziale. Questo diede alle Forze Armene l'opportunità di riorganizzarsi e pianificare il contrattacco: prima con la creazione dalla cosiddetta “Repubblica Montagnosa dell'Armenia" e da lì, sotto la guida di Andranik Ozanian, le milizie armene (fedayi) iniziarono a prendere il controllo del Karabakh nel 1919, avanzando verso la città principale della regione, Shusha. Gli inglesi tentarono una mediazione, assicurando a Ozarian che la questione territoriale tra Armenia e Azerbaigian sarebbe stata risolta alla Conferenza di Parigi. Ozanian si fidò e fece marcia indietro, mentre gli inglesi affidarono il governo provvisorio della regione a Khosrov bey Sultanov, un fervente nazionalista di idee pan-turche, che aumentò la presenza militare azera nella regione e attaccò numerosi villaggi armeni, al fine di tagliare i collegamenti diretti dall'Armenia al Karabakh.

L'assegnazione del governatorato a Sultanov suscitò l'indignazione degli Armeni, che riunitisi nel “Consiglio Nazionale Armeno del Karabakh“, una sorta di Governo Provvisorio della Regione, istituito tra il 1919 e il 1920, rifiutarono di riconoscere l'autorità del nuovo governatore (e dell'Azerbaigian) sulla regione. Al loro secondo incontro nella città di Shusha, un distaccamento dell'esercito azero circondò il quartiere armeno e chiese la loro resa incondizionata. La mediazione degli inglesi e l'accettazione della resa da parte del Consiglio nazionale armeno non risparmiarono una serie di Pogrom contro la popolazione armena scatenatisi per tutto il mese di Giugno, soprattutto ad opera milizie irregolari azerbaigiane.

On February 19, 1920, Sultanov imposed an ultimatum on the Armenian National Council, which once again refused to recognize Azerbaijan’s sovereignty over Karabakh. The Armenian population of the region had no choice but to prepare for the insurrection, trying to take control of the city of Shusha by surprise with a night assault. But the attempt failed miserably, and the anger of the Azerbaijani troops and population spilled over the Armenians who inhabited the city: entire neighborhoods were set on fire, in a spiral of increasingly brutal violence, which went on for six days with Khosrov bey Sultanov’s consent, who urged not to spare anyone, including women and children. The victims of the Massacro di Shusha furono 20.000, e di fatto la comunità armena della città fu sradicata.

Rovine della parte Armena di Shusha dopo il pogrom del 1920. Sullo sfondo c'è la chiesa della Santa Madre di Dio (Kanach Zham).

A far “cessare” le ostilità fù il ritorno in gioco della Russia sovietica: sconfitta la resistenza del generale Denikin e con le forze dell'Armata Bianca allo sbando, Mosca tornò a focalizzare la sua attenzione sul Caucaso. Il 27 aprile 1920, il governo azero, già in gravi difficoltà sul fronte interno, ricevette la notizia che l'Armata Rossa si preparava ad invadere il Paese e si arrese senza praticamente combattere, portando alla creazione della Repubblica Socialista Sovietica dell'Azerbaijan.

L'esercito e le milizie armene approfittarono del caos per prendere il controllo dei territori occidentali dell'Azerbaigian, inclusi Shusha e l'area del Karabakh e Nakhchivan. Ma la cosa durò pochissimo: nel maggio 1920, l'11a Armata Rossa conquistò il Karabackh, ponendolo sotto la giurisdizione dell'Azerbaigian Sovietico e poi ne fece una regione autonoma (l' Oblast Autonomo del Karabakh Montuoso, OAKM) nel 1923, per ordine diretto di Stalin. Poi, il 20 novembre l'Armata Rossa usò un pretesto per dichiarare guerra alla stessa Repubblica Armena, invadendo il suo territorio: l'esercito armeno, indebolito da anni di conflitti interrotti, non offrì resistenza esattamente come quello azero, e il 4 Dicembre 1920 l'undicesima Armata Rossa entrò a Yerevan, seguita dai rivoluzionari armeni e azeri il 5, e dalla polizia politica di Dzerzinskij, la Cheka, il 6. Dopo un ultimo sussulto antisovietico il 18 febbraio 1921, fu ufficialmente dichiarata la formazione della Repubblica Socialista Sovietica Armena.

La posizione dell'Oblast autonomo del Nagorno-Karabakh durante il periodo Sovietico.

Il Trattato di Kars del 1921 tra Turchia e Unione Sovietica pose fine alle violenze nell'area transcaucasica, dove, in segno di pace, l'area di Nachivan fu dichiarata protettorato azero e la Turchia restituì la città di Alessandropoli all'Armenia e quella di Batumi alla Georgia.

Sarà però una pace imposta da una potenza imperiale come l'Unione Sovietica, la quale, per paradosso, aveva fomentato le tensioni interetniche per evitare di perdere il controllo della regione. La questione era fin dall'inizio destinata a tornare a galla al minimo segno di cedimento della forza egemonica in quei territori. Esattamente come era iniziata, essa si ripresenterà con il crollo del URSS, ed anzi, forse addirittura anticipandolo, come vedremo nel prossimo articolo.

Grazie per aver letto questa lunga storia, persa nel tempo e tra le montagne del Caucaso: altri due appuntamenti ci aspettano, per poter capire meglio cosa sta succedendo oggi.

Quindi grazie per la vostra attenzione e alla prossima volta.

Cosa sappiamo (adesso) della Bielorussia - Le Ombre del Passato

È sbagliato fare un parallelo tra quanto sta accadendo ed i fatti di Kiev. In Ucraina la gente ha combattuto per l'indipendenza. Il sentimento antirusso è stato il fattore scatenante della Rivoluzione Arancione del 2004 e della rivolta di Majdan del 2014. Questa protesta ha un aspetto totalmente diverso, puramente materiale. È una rivolta del pane. L'idea di libertà e indipendenza in Bielorussia non è così forte come in Ucraina.

(da un'intervista di Rosalba Castelletti al Premio Nobel Svjatlana Aleksievič, apparsa sul quotidiano “La Repubblica” il 26 marzo 2016)

Un poster mostra i simboli della campagna dell'opposizione unita del 2020 in Bielorussia:(«amiamo, possiamo, vinceremo»). La parola "Вместе" significa "Insieme" Crediti: Wikimedia Commons

Bentornati, Amici miei

Questo sarà il terzo e ultimo articolo riguardante la Bielorussia, non che smetteremo di occuparcene del tutto, ma qui vorrei concludere il percorso storico che ci ha portato ai giorni nostri e aggiungere alcune riflessioni forse da sviluppare più ampiamente in articoli specifici: come avrete capito, quando si parla dei paesi dell'ex Blocco Sovietico, niente è così semplice come appare dall'esterno.

Nell'articolo precedente abbiamo descritto l'ascesa al potere di Lukashenko e come ha governato senza troppi problemi fino al 2010, anno in cui ha cominciato a manifestarsi un movimento di opposizione sempre più forte, ma che egli è sempre riuscito a reprimere, sia attraverso sporchi (e violenti) metodi, ma anche grazie al consenso del quale ha continuato a godere presso una certa parte della popolazione.

Dunque cosa è cambiato questa volta?

La risposta a questa domanda ha ovviamente molteplici sfaccettature, ma possiamo facilmente partire da quella più immediatamente evidente: la disastrosa gestione della pandemia da SARS-COV2. Il 16 marzo, mentre il virus si era diffuso in mezzo mondo, Lukashenko, intervistato dal Moscow Times, ha minimizzato il potenziale pericolo rappresentato dalla diffusione del virus e ha incoraggiato la popolazione a “guidare trattori e lavorare nei campi […] i trattori guariscono tutto, il lavoro nei campi guarisce di tutto“(!), asserendo che giocare a Hokey è “migliore della terapia antivirale” e proponendo di “avvelenare“ il virus con Vodka e Saune.

Ad oggi, le stime ufficiali danno 77.289 infetti e 813 morti, ma, come abbiamo già detto, il Governo bielorusso non è molto avvezzo alla trasparenza, anzi, il 22 luglio, il presidente della Commissione Elettorale Centrale della Bielorussia, Lidia Yermoshina, ha annunciato una forte limitazione al numero di osservatori elettorali per motivi epidemiologici (di un'epidemia che, secondo il suo governo, non esiste).

Il regime non ha avuto remore a usare la pandemia come scusa per aumentare il proprio controllo sulla popolazione: Sergey Lazar, capo del Vitbesk Clinical Emergency Hospital è stato rimosso il 30 aprile, poco dopo aver criticato pubblicamente il governo per le scarse contromisure contro la pandemia e la mancanza di materiale medico protettivo adeguato per i medici. Il 25 marzo precedente, il caporedattore del quotidiano online Yezhednevhik era stato arrestato con l'accusa di aver preso tangenti, tre giorni dopo un articolo che criticava aspramente il governo bielorusso e la sua reazione alla diffusione del virus. L'11 maggio, due giovani attivisti del Blocco giovanile (Молодёжный Блок) sono stati condannati rispettivamente a 13 e 5 giorni di detenzione amministrativa per aver partecipato alle proteste che chiedevano l'annullamento della parata del Giorno della Vittoria il 9 maggio, per evitare che il contagio si diffondesse all'interno del gigantesco raduno.

Youth Bloc activists marching with a coffin alongside the military column during the 9 May Victory Day Parade rehearsal.

Quando finiscono i soldi, salta fuori il Patriottismo

(Anonimo, riportato in "Tempo di Seconda Mano" di Svjatlana Aleksievič)

"E quando il Patriottismo finisce, vengono fuori i reparti antisommossa", potrei aggiungere. Come abbiamo affermato in precedenza, il regime di Lukashenko è sopravvissuto per 26 anni grazie a tre fattori: il mantenimento di una forte rete di "stato sociale" (ma nella versione sovietica, non pensare a qualcosa come la socialdemocrazia), il forte legame con l'ideologia e la simbologia dell'URSS e, infine, un apparato di sicurezza interna forte, fedele ed efficiente.

Ma se possiamo imparare qualcosa dalla storia della Bielorussa, è che è impossibile, per quanto ci si sforzi, mantenere un paese "Fuori dal Tempo" in questo modo.

Lo stato sociale bielorusso ha iniziato a collassare già nel 2015, quando il governo è stato costretto a ridurre i sussidi e a tassare i disoccupati - definiti come "parassiti sociali" (!), rendendo il regime molto meno popolare sotto questo aspetto; Il Patriottismo, nell'immagine dura e pura del Presidente, ha cominciato a vacillare quando lui stesso ha cercato di attuare quello che viene chiamato "multivettorialismo" in politica estera (o mettere il piede in due scarpe): la visita, il 26 febbraio, del Segretario di Stato Americano Mike Pompeo non deve essere piaciuta a coloro che sono stati educati a credere che l'Occidente stia costantemente cospirando per distruggere il loro paese. Lo stesso motivo è alla base del rifiuto di Lukashenko di quasi tutti gli aiuti economici dall'estero, che prevedevano clausole come misure di lockdown e di limitazione del contagio (cosa che avrebbero costretto il governo a "fare marcia indietro" sulle sue precedenti dichiarazioni). Cosa resta allora?

Un manifestante tiene in mano una vecchia bandiera nazionale Bielorussa mentre si trova di fronte alla linea di polizia durante una manifestazione dopo le elezioni presidenziali bielorusse a Minsk, la capitale, domenica 9 agosto 2020. Polizia e manifestanti si sono scontrati nella capitale della Bielorussia e nella grande città di Brest domenica dopo le elezioni presidenziali in cui il leader autoritario che ha governato per un quarto di secolo ha cercato un sesto mandato. (AP Photo / Sergei Grits)

Esatto: i reparti dell'Apparato di Sicurezza (OMON - Отряд Мобильный Особого Назначения, Unità Mobile Speciale della Polizia), entrati in azione subito dopo la dichiarazione della vittoria di Lukashenko (e anche prima, con l'incarcerazione e l'intimidazione dei membri dell'opposizione, questa volta decisamente più convinti di una possibile vittoria, o comunque di poter portare Lukashenko al tavolo delle trattative, senza essere del tutto ignorati), che hanno arrestato più di 3000 persone in tutto il paese e ci hanno fatto assistere alle varie brutalità di cui sono capaci contro i manifestanti disarmati.

Sviatlana Tsikhanouskaya in una manifestazione a Vitebsk il 24 luglio 2020

La candidata unitaria dell'opposizione Svetlana Tikhanovskaya, che ha assunto la guida del fronte antigovernativo dopo l'arresto del marito, il popolare youtuber e attivista Sergei Tikhanovsky, è stata costretta, dopo diverse minacce dirette contro di lei e la sua famiglia, a riparare in Lituania, e da lì in Polonia.

Da lì, l'attivista bielorussa ha chiesto, ed ottenuto, che la sua vittoria alle elezioni fosse riconosciuta dai paesi dell'Unione Europea, che, sotto la pressione del Parlamento Lituano, hanno risposto alle violenze di Lukashenko imponendo sanzioni economiche alla Bielorussia e riconoscendo la Tsikhanouskaya "come leader eletto del popolo bielorusso" ed il "Consiglio di Coordinamento per la Transizione del Potere" recentemente istituito come "unici rappresentanti legittimi del popolo bielorusso". La risoluzione dichiara inoltre che Lukashenko è un "leader illegittimo".

Dall'altro lato, è tornata invece a farsi sentire la presenza della Russia di Vladimir Putin, che, pur non avendo molta simpatia per Lukashenko, deve cercare di trarre il meglio da una brutta situazione per preservare i suoi interessi strategici nell'area: il Cremlino osserva pazientemente l'evoluzione della situazione, e per il momento si è limitato a riconoscere la vittoria al Presidente uscente, con qualche vaga promessa di aiuto in caso di “violenza eccessiva”, ma niente di più.

E dunque, cosa dobbiamo aspettarci da ora in poi?

Lukashenko è ancora al suo posto, nonostante le proteste nel Paese che vanno avanti ormai da 7 settimane e non accennano a fermarsi. Il Consiglio di Coordinamento, da Varsavia, ha avviato “le procedure per un trasferimento pacifico dei poteri”, ma a differenza del governo bielorusso in carica, non ha mezzi per garantire che ciò avvenga (cioè non ha Forze Armate), mentre nel paese la repressione continua con un livello sempre crescente di violenze e abusi contro i manifestanti.

La situazione di fatto in stallo: Lukashenko non sembra intenzionato a fuggire come Yanukovich (anche perché non è certo che ci sia qualcuno disposto ad accoglierlo, nemmeno a Mosca), ma quanto tempo saprà resistere in questa tempesta? Quanto tempo passerà prima che non sia più in grado di assicurarsi la lealtà dell'Apparato di Sicurezza?

D'altronde il “Governo in esilio” non ha nessuno che sia in grado di forzare la mano per aiutarlo nel “passaggio istituzionale” con qualcosa in più che parole: non gli Stati Uniti, non certo l'Unione Europea. Come ha giustamente affermato il premio Nobel per la Letteratura Svyatlana Aleksevic “questa non è Majdan”: la Bielorussia non ha interesse a guardare all'Occidente, anzi, anche il leader dell'opposizione Tsikhanouskaya ha rassicurato sul mantenimento di buoni rapporti con Mosca, anche dopo l'eventuale caduta di Lukashenko.

Ovviamente, anche uno scenario simile a quello dell'annessione della Crimea, come ipotizzato da alcuni, è impensabile: l'establishment russo non ha intenzione di farsi coinvolgere in una guerra che di fatto non porterebbe loro altro che una maggiore “cattiva reputazione” ed altro isolamento internazionale .

Vladimir Putin a colloquio con Alexander Lukashenko a Sochi, venuto in Russia in visita di lavoro. 7 Febbraio 2020 Foto: kremlin.ru

Tuttavia, c'è la possibilità che “IL Convitato di Pietra” rappresentato dalla Russia possa essere proprio quel fattore che sbloccherà la situazione: se Vladimir Putin ed i suoi colleghi trovassero un modo per placare le proteste salvando la maggior parte di ciò che resta del trentennale sistema bielorusso, Lukashenko dovrà smetterla con i suoi tentativi di “multilateralismo” e diventerà de facto un burattino nelle mani di Mosca; se invece i russi decidessero di dare una “piccola spinta” al regime e aiutare il Consiglio di Coordinamento, potrebbero approfittare dei cambiamenti economici che questo dovrebbe (teoricamente) portare, per entrare nel nuovo mercato bielorusso e prendersi quelle risorse strategiche, fino ad ora saldamente, nelle mani del governo di Lukashenko.

Ma come al solito, fare previsioni è un mestiere da astrologi. Per il momento spero di aver chiarito la situazione al meglio delle mie capacità a chi fosse interessato a conoscerla meglio, ed a capire cosa sta realmente accadendo in un paese lontano e ritornato sul "Sentiero della Storia" solo di recente. Per il momento, purtroppo, non ci resta che fare attenzione ai movimenti all'orizzonte, e cercare di farci un'idea con quello che abbiamo a disposizione, ma senza mai distogliere troppo lo sguardo.

Per qualsiasi domanda e discussione, sono a disposizione, trovate i contatti nella pagina apposita.

Nay, come, let’s go together.

Quello che (non) sappiamo sulla Bielorussia - L'Ultima Dittatura in Europa

"Ci stiamo congedando dall'epoca sovietica. Che è come dire: dalla nostra stessa vita."

Svjatlana Aleksievič, (Incipit di “Tempo di Seconda Mano“, 2013)

Emblema Nazionale della Repubblica di Bielorussia

Eccoci di nuovo qui, per cercare di capire l'evoluzione storica della Bielorussia, dalla sua indipendenza nel 1991, fino a quanto sta accadendo negli ultimi mesi: per farlo è impossibile non mettere in parallelo il cammino del Paese con la figura del suo presidente : Alexander Grigoryevich Lukashenko.

Le prime elezioni presidenziali libere si sono svolte in Bielorussia il 23 giugno 1994, con un secondo turno di scrutinio il 10 luglio: ed hanno visto la vittoria di Lukashenko, contro il presidente uscente Vyacheslav Kebich, con una soglia di preferenze superiore all'80%.

Ma chi era stao Lukashenko fino ad allora?

Classe 1954, la sua carriera prima come soldato e poi come membro del PCUS non fu diversa da quella dei tanti Apparatiki che formavano la spina dorsale della burocrazia sovietica. Le cose cambiano nel 1990, quando per la prima volta viene eletto Deputato al Soviet Supremo di Bielorussia: da quella carica all'interno della nuova amministrazione, ora de facto ndipendente, egli, attraverso la sua eloquente retorica populista anticorruzione, riuscì a guadagnarsi una posizione ad interim come Presidente della Commissione anticorruzione del Parlamento Bielorusso.

Da quella posizione, cominciò ad accusare 70 ufficiali governativi di alto rango e molti altri funzionari, tra cui il presidente Stanislav Shushkevich e il Capo del Soviet supremo Vyacheslav Kebich di appropriazione indebita di fondi statali per uso personale: nonostante le accuse si rivelarono completamente infondate, Shushkevich si dimise per l'imbarazzo, lasciando Kebich a confrontarsi con lo stesso Lukashenko, che a quel punto non aveva più altri veri avversari nella sua ascesa al potere.

"Quello che è successo oggi è stato una sensazione solo per coloro che si sono rifiutati di affrontare la verità sul nostro paese [...] I poveri e gli indigenti per la prima volta hanno avuto la possibilità di eleggere qualcuno come loro a questo posto supremo, il popolo ha parlato" dichiarò Lukashenko dopo la sua vittoria. Dopo la separazione dall'Unione Sovietica, la Bielorussia era infatti in uno stato di collasso economico e sociale: sebbene Lukashenko non avesse alcun tipo di programma di riforma economica o profonda dello Stato, riuscì a vincere cavalcando la rabbia crescente contro i "politici" all'interno del paese.

Come spesso accade in questi casi, non ci volle molto perché il nuovo presidente rivelasse il suo vero volto: due referendum, svoltisi nel 1995 e nel 1996, gli diedero il potere di sciogliere il Parlamento per decreto, e, dopo la crisi economica del 1998, che frantumò l'economia della Federazione Russa cosi come quella bielorussa, visto lo stretto legame tra i due paesi, Lukashenko ne approfittò per estendere il suo potere alla Banca Centrale della Bielorussia, che fu nazionalizzata e posta sotto il diretto controllo dei suoi lealisti, accusando i Paesi Occidentali di aver escogitato un complotto per sabotare il suo governo e quello della Russia.

Aleksandr Lukashenko con Vladimir Putin, Presidente della Federazione Russa, dopo che il primo era appena stato rieletto Presidente della Bielorussia, Maggio 2002

Dopo essere stato riconfermato per un secondo mandato alle elezioni del 2001, anche grazie alle concessioni fatte alla Federazione Russa di Vladimir Putin (anch'egli eletto, nel 2000, per acclamazione popolare, come barriera contro il terrorismo ceceno e la corruzione dell'amministrazione di Boris Eltsin, che si era dimesso il 31 dicembre 1999), dando di fatto ai russi il controllo sullo strategico oleodotto "Yamal - Europa".

Il crescente isolamento dal resto d'Europa e la sempre maggiore dipendenza dalla Russia portarono il regime di Lukashenko a reagire ferocemente contro l'opposizione interna, che nel frattempo aveva cominciato a crescere sempre di più. Ovviamente all'interno del Paese il consenso per il presidente esisteva ed esiste ancora: la sua mossa più appropriata in tal senso, almeno in un primo tempo, è stata quella di evitare il passaggio diretto all'economia di mercato (come accadde in Russia durante la presidenza Eltsin) e, negli anni, mantenere intatto il “welfare state bielorusso”, cioè un misto di clientelismo e manovre finalizzate a comprare il consenso di alcune parti dell'elettorato.

In preparazione alla tornata elettorale del 2006, vari gruppi politici hanno iniziato a organizzare proteste di vario genere, come “La Giornata della Solidarietà con la Bielorussia”, svoltasi il 16 ottobre 2005 da un'idea della giornalista Irina Chalip e di altre organizzazioni pro-democratiche, come "We Remember" ed il movimento giovanile "Zubr": gli organizzatori volevano che il resto del mondo si solidarizzasse "con i prigionieri politici bielorussi, le persone scomparse Jury Zacharanka, Viktar Hančar, Anatol Krasoŭski e Dźmitry Zavadski, le loro famiglie e altri sostenitori della transizione alla democrazia rappresentativa e all'economia di mercato in Bielorussia."

“Spegniamo tutti insieme la luce nei nostri appartamenti per diversi minuti la sera del 16 ottobre e mettiamo candele accese alle finestre. Dovremmo immaginare una Bielorussia in cui potremmo vivere. Forse tutto deve iniziare da questo. Città buie, finestre buie, dove si vedono solo le ombre di candele accese: questo potrebbe diventare uno specchio per farci vedere che siamo davvero tanti!" (Irina Chalip)

Quando nel 2006 i diversi partiti trovarono un solo candidato, Aleksander Milinkevich, da presentare contro Lukashenko alle elezioni presidenziali, lui non la prese molto bene ed affermò che "a chiunque avesse partecipato alle proteste dell'opposizione, avrebbe torto il collo 'come si fa con le anatre'“. Paura e violenza diedero a Lukashenko la possibilità di “trionfare” ancora una volta alle elezioni con l'80% dei voti, nonostante l'opposizione fosse al massimo del suo potenziale e fosse riuscita a portare avanti le proteste per diversi giorni in tutto il Paese. Come spiega il rapporto OCSE:

Poster del documentario del 2006 “Lekcja białoruskiego"(Una lezione di Bielorusso) del regista polacco Miroslaw Dembinski, che descrive le violenze avvenute durante le proteste del 2005-2006

[Lukashenko] "Ha permesso che l'autorità dello Stato fosse usata in modo da non permettere ai cittadini di esprimere liberamente ed equamente la loro volontà alle urne ... un modello di intimidazione e soppressione delle voci indipendenti ... era evidente durante tutta la campagna".

Con le elezioni parlamentari del Settembre 2008, la violenza fù sostituita da un deliberato “intralcio burocratico” ai membri dei partiti di opposizione (altra “idea” suggerita probabilmente da Mosca), in modo che non potessero ottenere nessuno dei 110 seggi del Parlamento, trovandosi così tagliati fuori dalla vita politica del Paese: il commento di Lukashenko è stato, come al solito, che l'opposizione era eterodiretta dall'estero, e che era quindi giusto restasse fuori dalle istituzioni.

“L'Occidente cerca il dialogo con Lukashenko, ma è inaffidabile. Flirta con l'Europa solo quando vuole intimidire e ricattare Putin per estorcergli denaro. Ed è assolutamente incapace di guardare all'Occidente. Se qualcuno lo farà, sarà un leader più giovane, ma temo che non ci sarà alcun cambio della guardia incruento in Bielorussia".

(da un'intervista di Rosalba Castelletti al Premio Nobel Svjatlana Aleksievič, apparsa sul quotidiano “La Repubblica” il 26 marzo 2016)

Il quarto (2010-2015) ed il quinto (2015-2020) mandato presidenziale di Lukashenko furono egualmente forieri di violenza, intimidazione e "trucchi elettorali". Nel 2010, due candidati dell'opposizione vennero duramente picchiati dalla polizia e, dopo le proteste davanti al Parlamento, molti altri furono incarcerati per far in modo che non si presentassero alle elezioni: Andrei Sannikov, Alexander Otroschenkov, Ales Michalevic, Mikola Statkevich e Uladzimir Nyaklyayew. La giornalista Irina Chalip, fù posta agli arresti domiciliari. Anche il leader del partito di Yaraslau Ramanchuk, Anatoly Lebedko, venne arrestato. Nonostante il successivo rilascio dei prigionieri politici, le elezioni per il quinto mandato di Lukashenko seguirono sostanzialmente lo stesso percorso.

Le Forze di Polizia Speciali (OMON) circondano i manifestanti a Minsk nel 2006. Oltre 40.000 hanno marciato contro i Palazzi del Governo bielorusso, gridando "Fuori!" e "Lunga vita alla Bielorussia!"

Ma qualcosa era cambiato in quegli anni.

La situazione internazionale non era più la stessa che aveva caratterizzato il primo decennio del 2000: i problemi interni della Russia si riverberavano sulla Bielorussia, e così Lukashenko cercò di avvicinarsi ai Paesi Occidentali, in particolare all'Unione Europea, una manovra che oltre a fallire nei suoi scopi, suscitò il ire del Cremlino, che cominciò a esercitare pressioni sempre maggiori sulla Bielorussia e sul suo presidente, attraverso quello che ora viene chiamato "Soft Power", e che in russo si traduce come "Minacce Velate" o "Pugnalate alle Spalle". In secondo luogo, la Rivoluzione delle Rose in Georgia nel 2003 e la Rivoluzione Arancione in Ucraina nel 2004 avevano dimostrato (con successivi destini alternati, ma questa è un'altra storia) che nessuno era "intoccabile", come a diversi "Presidenti a Vita" stabilitisi al potere in vari paesi post-sovietici piaceva pensare.

I vecchi slogan fanno più presa, soprattutto nelle grandi città (ma ancora molto nelle campagne); chi doveva scacciare i corrotti e gli oppressori era diventato a sua volta oppressore e corrotto; la decisione di mantenere un'economia modellata sul precedente modello sovietico si era rivelata una trappola che aveva bloccato lo sviluppo del Paese; gli alleati storici non potevano più sopportare Lukashenko, e trovarne di nuovi mantenendo invariato il regime era impossibile.

Come altri leader post-sovietici prima e dopo di lui, Lukashenko si era fatto strada verso il potere attraverso la rabbia e il risentimento, ed ha intrappolato se stesso ed i suoi cittadini in un paese "Fuori dal Tempo", finché la Storia non ha iniziato a muoversi contro di lui. Questo ovviamente non vuol dire che il suo regime sia necessariamente giunto al termine, ma che ci sono le condizioni per un cambiamento ai vertici. La domanda che potremmo porci è se tutto questo sarà positivo: ricordiamo che Lukashenko stesso è salito al potere. promettendo di cacciare i corrotti e porre fine agli abusi delle autorità.

Arriviamo così ai giorni nostri, e ai mesi appena trascorsi, in cui Lukashenko è stato riconfermato per un sesto mandato nel solito modo. Questa volta, però, le cose sono andate molto più storte di quanto previsto, ma ne parleremo nell'articolo finale.

Quindi grazie per la vostra attenzione e alla prossima volta.